×

Phil Collins, peggiorano le sue condizioni: “Non riesco a tenere una bacchetta in mano”

In un'intervista rilasciata alla Bbc, Phil Collins, ex leader dei Genesis, aggiorna i suoi fan delle sue condizioni di salute precarie.

phil collins

In un’intervista televisiva l’ex leader dei Genesis Phil Collins è apparso in condizioni di salute precarie, tanto da dichiarare di non riuscire più a tenere in mano una bacchetta.

Phil Collins, peggiorano le sue condizioni

Da tempo Phil Collins, storico batterista e leader dei Genesis accusa problemi al piede e alla schiena gravi, tanto da non riuscire più a suonare e tenere in mano le bacchette della batteria.

Negli ultimi anni i suoi fan hano assistito a un peggioramento delle sue condizioni di salute: la prova è arrivata nei precedenti tour, compresa la data dello scorso giugno 2019 al Forum d’Assago, quando il figlio della star americana ha preso il posto del padre alla batteria.

Phil Collins, gli interventi e le difficoltà

Proprio a causa dei suoi numerosi problemi fisici, il 70enne ex leader dei Genesis nel 2011 aveva annunciato il suo ritiro dalla scena musicale.

Nel 2009 si era sottoposto a un intervento chirurgico per sistemare alcune vertebre dislocate, comparse in tour due anni prima.

Nel 2015 è perfettamente riuscito un altro intervento alla schiena, ma con l’avanzare del tempo, alla fine non è riuscito più a muovere le articolazioni in modo naturale, perdendo sensibilità nervosa alle mani, impedendogli così di suonare la sua amata batteria.

Dal 2017 cammina con un bastone. Nel suo libro spiega come tutto questo lo abbia portato a crisi depressive e a buttarsi nell’alcolismo, senza però abbandonare la sua amata musica.

Phil Collins, aggiornamenti sulle sue condizioni

Come dicevamo precedentemente, in un’intervista rilasciata alla Bbc, Phil Collins in occasione del toru di reunion dei Genesis che partirà il prossimo ottobre 2021, ha voluto dare qualche aggiornamento sulle sue condizioni di salute: “Sono messo abbastanza alla prova a livello fisico e ciò è frustrante perché mi piacerebbe molto andare alla batteria e suonare con mio figlio“. Il figlio Nick, 20 anni, da tempo ha preso il suo posto alla batteria del gruppo, ma continua a farsi guidare e consigliate dal padre.

Se suonerò anche io? No, non riesco più. Tengo a mala pena in mano una bacchetta” , aggiungendo di considerare il tour dei Genesis l’atto finale del leggendario gruppo: “Siamo tutti uomini di una certa età e quindi sì, credo che probabilmente con questi concerti chiuderemo”.

Contents.media
Ultima ora