Cena Salvini-renziani per parlare di giustizia, M5S "Ancien régime"
Cena Salvini-renziani per parlare di giustizia, M5S “Ancien régime”
Politica

Cena Salvini-renziani per parlare di giustizia, M5S “Ancien régime”

Cena Salvini-renziani per parlare di giustizia
Cena Salvini-renziani per parlare di giustizia

Matteo Salvini e Maria Elena Boschi ospiti alla cena del movimento garantista. Assenti i grillini, Di Battista: "Cena da ancien régime".

È Matteo Salvini l’ospite d’onore alla cena organizzata da Annalisa Chirico, fondatrice del movimento garantista “Fino a prova contraria”. Sotto le luci soffuse del ristorante “La lanterna” in via Tomacelli siedono ministri, parlamentari e imprenditori, riuniti per parlare di garantismo e di come rendere la giustizia più efficiente e la burocrazia più rapida. Durante tutta la serata non si discute, però, di come la Lega sia riuscita a ottenere la possibilità di rateizzare la restituzione dei famosi 49 milioni. I grandi assenti alla serata della Chirico sono i grillini, fermi sostenitori dello stop alla prescrizione.

Salvini e Boschi alla cena dei garantisti

Non è passata inosservata la presenza alla cena, insieme al vicepremier, dell’ex ministro Maria Elena Boschi. “Io sono qui per ascoltare magistrati, avvocati e imprenditori, non certo per incontrare la Boschi”, spiega il ministro degli Interni. “Processi più veloci e tribunali più efficienti sono il nostro obiettivo. Riusciremo dove tutti gli altri hanno fallito“. “Perché siamo qui? Noi siamo sempre stati garantisti”, sottolinea Riccardo Molinari, capogruppo della Lega.


A chi le domanda il motivo della sua presenza in via Tomacelli, la Boschi risponde: “Perché non sarei dovuta venire? Sono qui in mezzo a 150 invitati ad ascoltare magistrati, giuristi a confronto con gli imprenditori.

Vorrei piuttosto convertire Salvini perché sia garantista non solo con i suoi. A me piacerebbe trovare punti di incontro con la maggioranza per una riforma della giustizia“.

Chirico “Collaborazione necessaria”

Soddisfatta Annalisa Chirico, che è riuscita a organizzare “una serata trasversale. Quando si vuole arrivare a un obiettivo giusto, si mettono insieme persone e mondi diversi“. Come quello dei giuristi e degli imprenditori, la cui collaborazione, sottolinea Paola Severino, è più che mai necessaria per la modernizzazione dell’Italia. “Penso in primo luogo al Tribunale delle imprese, la cui costituzione mi sembra abbia cercato di dare risposta a due esigenze importanti”. In primo luogo “avere giudici sempre più specializzati su temi più tecnici e più caldi”. Ma anche “assicurare una risposta efficiente alla domanda di giustizia”.

Di Battista “Cena da ancien régime”

Dure le critiche del M5S. Alessandro Di Battista accusa l’alleato di governo Salvini di aver partecipato a una “cena da ancien régime. Quel mondo lì è un mondo grigio dal quale chi parla di cambiamento farebbe bene a starne lontano”. Il grillino invita il vicepremier a usare meglio il suo tempo, “per dividere le banche d’affari da quelle commerciali più che dividere un pasto con certi commensali. Meglio puntare l’indice contro chi non ha tutelato il risparmio degli italiani più che alzare il mignolino e brindare assieme a chi ha contribuito a distruggerlo. Salvini queste sono serate da Malagò, torna in te“.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 2076 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.