×

Scontro Cazzola-Bitonci, la reazione dei social agli insulti a Salvini

Il web si è diviso in merito agli insulti verso Salvini proferiti da Giuliano Cazzola durante uno scontro televisivo con il leghista Massimo Bitonci.

scontro-cazzola-bitonci-salvini

Non si è fatta attendere la reazione dei social network in merito alle parole dell’economista Giuliano Cazzola, che nella puntata del 10 settembre del programma L’Aria che tira aveva insultato Matteo Salvini durante uno scontro con il leghista Massimo Bitonci. Esprimendo il suo timore nell’eventualità di un ipotetico governo guidato dall’ex ministro dell’Interno, Cazzola aveva infatti affermato in maniera colorita: “Salvini deve andare a fare in c**o”.

Scontro Cazzola-Bitonci su Salvini

Tra i primi a commentare l’episodio sulla propria pagina Facebook c’è proprio il parlamentare leghista ed ex sindaco di Padova Massimo Bitonci, uno dei protagonisti della vicenda. In un post pubblicato nella stessa giornata, Bitonci infatti afferma: “Il sinistroide intellettuale Cazzola manda a fa***lo in diretta TV Salvini e poi i fascisti siamo noi? È questa la democrazia e il dialogo dei sapientoni?”, aggiungendo in un post successivo: “Ecco un chiaro esempio di ODIO contro Matteo Salvini e la Lega da parte di chi non ha argomenti!!!”. Un messaggio, quello di Bitonci, che è stato subito ricondiviso dalle pagine social della Lega e di Noi con Salvini.

Dall’altra parte sono però numerosi anche i commenti di ha apprezzato la frase dell’economista.

Sotto i post dei quotidiani che parlano della vicenda si possono infatti leggere cose come: “Finalmente uno che ha il coraggio di dirlo “, ma anche “Per la prima volta nella mia vita sono d’accordo con Cazzola”. Alcuni invece paragonano gli insulti di Cazzola alle volte in cui fu lo stesso Matteo Salvini ad esprimersi con un linguaggio poco ortodosso: “Ma Salvini ha mai chiesto scusa per la frase in cui affermava che con il tricolore ci di sarebbe pulito il c**o?”.

I precedenti di Cazzola

Non è però la prima volta che Giuliano Cazzola mostra la sua esuberanza dialettica durante delle trasmissioni televisive. Nel novembre del 2017 fu protagonista di un duro scontro a DiMartedì con Maurizio Costanzo, accusato proprio da Cazzola di percepire ben tre pensioni. Un accusa alla quale il conduttore rispose energicamente: “Replico a Cazzola: quando dice ‘persino il signor Costanzo’, senta un po’ io non sono un passante Cazzola.

Lei forse si è distratto. Io faccio questo mestiere da 40 anni, se ne faccia una ragione. Ho una pensione da giornalista. È da quando avevo 17 anni che faccio il giornalista”.


Nato a Milano, classe 1993, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera dove si laurea in "Nuove Tecnologie dell’Arte". Parallelamente all'ambito artistico, nel quale partecipa a diverse mostre del settore come admin della pagina Facebook Karbopapero 900, durante gli anni universitari sviluppa la passione per il mondo dell’informazione e della comunicazione. Passione che lo porta a diventare collaboratore dapprima per Il Giornale e in seguito per Notizie.it.


Contatti:

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera dove si laurea in "Nuove Tecnologie dell’Arte". Parallelamente all'ambito artistico, nel quale partecipa a diverse mostre del settore come admin della pagina Facebook Karbopapero 900, durante gli anni universitari sviluppa la passione per il mondo dell’informazione e della comunicazione. Passione che lo porta a diventare collaboratore dapprima per Il Giornale e in seguito per Notizie.it.

Leggi anche