×

Sgarbi contro Conte: ”Sono solo tanti ‘Giggino’ miracolati”

Condividi su Facebook

Il critico d'arte accusa il premier per la sua gaffe alla conferenza di Berlino :"È l'icastica immagine di un paese retrocesso"

Vittorio Sgarbi
Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi si scaglia con il premier Giuseppe Conte, autore di una presunta gaffe alla Conferenza di Berlino. Il presidente del Consiglio avrebbe cercato un posto a sedere in prima fila, per poi capire che non c’era.

L’attacco di Vittorio Sgarbi

Il famoso critico d’arte e capolista del partito Forza Italia critica l’attuale governo, ritenendolo unicamente “Ostaggio degli eventi e delle circostanze. Un paese di tanti ‘Giggino’ miracolati dal voto folle di elettori disorientati ma colpevoli“.

Vittorio Sgarbi commenta così la sventura di Conte alla conferenza: “‘Giuseppi’ Conte che alla conferenza di Berlino avanza, a tentoni, in cerca di un posto in prima fila e poi scopre che lo hanno scaricato in seconda (ma solo perché non c’era la terza) è l’icastica immagine di un Paese retrocesso, in ogni direzione.

In politica estera, certo, ma anche nell’economia e nella cultura. Un governo impresentabile, di illustri sconosciuti, sempre imbellettati a festa, che campano alla giornata”.

Le sue parole colpiscono duramente anche il frangente del Movimento 5 Stelle: “C’è un altro reddito di cittadinanza che gli italiani pagano, inconsapevolmente ogni mese: ed è lo stipendio a questi improbabili statisti da trattoria che tramano ogni giorno con i propri alleati per allontanare sempre più la data del voto”.

La critica a Di Pietro

Da diversi giorni Vittorio Sgarbi presenzia a trasmissione televisive in occasione del ventennale della morte di Bettino Craxi. La sua opinione, esposta anche sui social network, è che sia stato vittima del un sistema giudiziario, colpevole di averlo scelto come agnello sacrificale della politica italiana.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche