×

Coronavirus, Sgarbi alla Camera: “Dittatura di falsi scienziati”

Condividi su Facebook

Coronavirus, Vittorio Sgarbi interviene alla Camera e bolla la pandemia come eccessiva. Attacca gli scienziati che hanno creato "Il panico".

coronavirus-vittorio-sgarbi-camera
Coronavirus, Vittorio Sgarbi alla Camera: "Dittatura di scienziati falliti"

Coronavirus, Vittorio Sgarbi non cambia idea e ribadisce il suo pensiero: questa pandemia non è letale come vogliono far credere gli esperti. Così, il deputato, in occasione dell’approvazione del Cura Italia, è intervenuto in aula commentando il periodo storico attuale. “C’è una bara davanti a noi qui nel vuoto dell’emiciclo.

È la bara della democrazia”. Inizia così l’intervento del deputato del Gruppo Misto. “Un decreto ridicolo, un voto di fiducia imposto contro le opposizioni. I carabinieri che minacciano i preti in chiesa, gli elicotteri che controllano chi corre sulla spiaggia vuota, proibiti i funerali. La dittatura dei falsi scienziati e del comitato tecnico scientifico pieno di contraddizione”, continua Sgarbi in aula.

Coronavirus, il pensiero di Vittorio Sgarbi

E non manca di attaccare la poca chiarezza anche da parte degli esperti: “La confusione delle misure che solo oggi diventano obbligatorie anche qui, quando la Protezione Civile con Borrelli ha dichiarato ‘Io non uso le mascherine perché rispetto le distanze'”. Per Vittorio Sgarbi il 25 aprile dovrà: “Essere la festa della Liberazione dal ridicolo regime che ci governa”.

Per il deputato del Gruppo Misto, inoltre: “Sono morte in Italia venticinquemila persone di coronavirus: non è vero, è un modo per terrorizzare gli italiani e imporre una dittatura del consenso. I dati dell’Istituto superiore di sanità dicono che il 96,3 per cento sono morti per altre patologie”.

Nella serata di giovedì, invece, Sgarbi aveva attaccato Walter Ricciardi: “Sia maledetto lui e il virus. La cosa più maligna di tutte è l’indicazione intollerabile di alcuni scienziati che non hanno mostrato di dare alcuna certezza”.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.