×

Coronavirus, parla Zaia “Non è tutto finito, pronti a nuova chiusura”

Il presidente del Veneto Luca Zaia ha dichiarato che verrà fissata una soglia minima di ricoveri oltre la quale si procederà a una nuova chiusura.

coronavirus-luca-zaia

Mentre il Veneto si appresta ad allentare le restrizioni anti coronavirus il suo presidente Luca Zaia non si lascia prendere dal facile ottimismo, annunciando un piano per fissare una soglia minima di ricoveri nelle terapie intensive oltre la quale potrà scattare una nuova chiusura delle attività.

Zaia segue così la linea dei molti esperti che con la fine della cosiddetta Fase 1 ipotizzano un lungo periodo di chiusure a riaperture alternate fino alla fine dell’emergenza sanitaria.

Coronavirus, Zaia sui ricoveri

Nel commentare l’attuale situazione sanitaria regionale, dove i contagi sono in costante calo da diversi giorni, il presidente del Veneto ha annunciato l’imminente istituzione di una soglia minima per le terapie intensive: “Lo dico subito e in maniera trasparente: stiamo lavorando per fissare in maniera plastica un numero di ricoverati e delle terapie intensive, perché se lo raggiungiamo si torna a chiudere”.

Pur essendo infatti uno dei più strenui oppositori della chiusura totale a oltranza, Zaia ha riconosciuto la necessità di un approccio graduale al nodo delle riaperture: “Non ci sono alternative, non vorrei che qualcuno si faccia l’idea che è tutto finito”.

Come riportato anche da un report del comitato tecnico scientifico inoltre, se la prevista riapertura dovesse avvenire ora per tutte le attività pubbliche e commerciali ci ritroveremo entro giugno con oltre 151mila pazienti ricoverati in terapia intensiva.

Il presidente in testa nei sondaggi

La sicurezza mostrata da Zaia nell’affrontare l’emergenza sanitaria nella sua regione e l’apparente indifferenza nei confronti delle direttive governative ha peraltro fatto crescere considerevolmente il gradimento elettorale del politico trevigiano. Secondo gli ultimi sondaggi di Winpoll pubblicati nella giornata del 28 aprile infatti, Zaia si classifica al primo posto sia nella classifica dei politici più amati dagli italiani, con il 46% dei consensi, sia in quella dei presidenti di regione più efficienti, con oltre l’80% dei veneti che si ritiene soddisfatto del suo operato durante la pandemia di coronavirus.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
ore 13.30 simulazioni di reato con cell industria
29 Aprile 2020 15:18

Zaia deve rivedere le sue priorità……


Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora