×

Bufera su Gallera: “Ospedali privati hanno accolto pazienti ordinari”

Uscita infelice di Giulio Gallera, Regione Lombardia: "Bisogna ringraziare gli ospedali privati che hanno aperto le loro stanze di lusso".

gallera ospedali privati
Bufera su Gallera per le frasi sugli ospedali privati

Fa discutere l’ultima uscita pubblica di Giulio Gallera, assessore al Welfare di Regione Lombardia, in merito agli ospedali privati. Queste strutture, infatti, in tempi di pandemia da Coronavirus – specie nel periodo tra febbraio e aprile quando il sistema sanitario italiano era al collasso – hanno accolto gratuitamente i pazienti affetti dal Covid-19.

Un gesto di estrema generosità per Gallera che, in occasione di un intervento a un talk online organizzato da Rcs Academy, si è lasciato andare a una frase non passata sottotraccia.

Secondo l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, gli ospedali privati andrebbero ringraziati poiché: “Hanno aperto le loro terapie intensive e le loro stanze lussuose ai pazienti ordinari”. Aggettivi e termini che hanno fatto infuriare Partito Democratico e Movimento 5 Stelle.

Giulio Gallera e gli ospedali privati

Il braccio destro di Attilio Fontana nella gestione dell’emergenza Coronavirus in Lombardia ha evidenziato l’importanza degli ospedali privati: “Una ricchezza che ci ha aiutato durante la pandemia ma – ha ammonito Gallera – , ogni ospedale e ogni presidio deve continuare con la propria vocazione, anche in termini di posti letto che sono solo 3 ogni 100 abitanti. L’insieme dei presidi ospedalieri della Lombardia ha tenuto, ma dobbiamo rallentare i tagli ai posti letto”.

Sull’intervento di Gallera sono arrivati commenti durissimi da parte di Buffagnini, viceministro dello Sviluppo Economico: “Ma non si vergogna? Cosa significa pazienti ordinari? Queste non sono solo cose che un assessore al Welfare non dovrebbe dire… Non dovrebbe proprio pensarle. I cittadini sono tutti uguali. Non esistono pazienti di serie A e di serie B!” è stato il suo commento su Facebook.

Contents.media
Ultima ora