×

Covid, approvata la giornata in memoria delle vittime

Alla Camera è stata scelta la giornata del 18 marzo in memoria delle vittime del Covid. In quel giorno si registrò il numero più alto di decessi.

iornata memoria vittime covid
iornata memoria vittime covid

Nella mattinata di giovedì 23 luglio, la Camera ha approvato l’istituzione della giornata della memoria per le vittime del Covid. La data scelta è il 18 marzo, giorno diventato simbolico per le immagini dei carri armati che portano fuori da Bergamo i primi feretri.

In quella data si registrò anche il bollettino più alto dei decessi.

Covid, istituita la giornata della memoria

La Camera nella mattina di giovedì 23 luglio ha approvato all’unanimità la giornata in memoria delle vittime del Covid.

La data scelta per questa ricorrenza annuale è quella del 18 marzo.

La scelta è duplice: quel giorno sono diventate virali le immagini dei feretri portati fuori da Bergamo dai carri armati militari. Inoltre, proprio in quel pomeriggio il bollettino registrò il più alto numero di decessi (475).

Per non dimenticare

Montecitorio ha votato con 418 favorevoli e nessun contrario. Soddisfatto il Ministro Roberto Speranza: “Il 18 marzo sarà la Giornata nazionale in memoria delle vittime del Covid.

È bello che la legge che la istituisce sia stata approvata all’unanimità. Sarà un giorno importante per non dimenticare questa stagione così drammatica e per ricordare tutte le persone che non sono più con noi”.

Una volta approvata ufficialmente, tutti i Comuni, Province e Regioni italiane potranno incominciare a promuovere varie iniziative di sensibilizzazione in preparazione al ricordo delle vittime. Un paese che da oggi potrà e dovrà ricordare ogni 18 marzo tutti gli sforzi e mesi difficili vissuti a causa della pandemia. Un tema che sicuramente diventerà il fulcro di ogni organizzazione scolastica e mediatica. Per non dimenticare.

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Marco Alborghetti

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora