Pop corn: ricetta senza olio
Pop corn: ricetta senza olio
Lifestyle

Pop corn: ricetta senza olio

Pop corn: ricetta senza olio
Pop corn: ricetta senza olio

Quando si guarda un film solitamente si preferisce stuzzicare i famosi pop-corn. Ma è possibile cuocere senza olio? Scopriamo come

I pop corn sono gli stuzzichini più amati dalla popolazione poiché ci tiene compagnia durante la visione di qualche film che sia visto al cinema o a casa con gli amici o anche da soli.

I chicchi di mais che scoppiano dentro l’olio sono fragranti e piacevoli da mangiare ma non tutte le coltivazione di granturco fa sì che possano diventare pop corn ma sono adatte per essere arrostite o ricavarne la farina per la polenta o vari dolci.

Se alcuni chicchi non scoppiano è solo perché sono disidratate e non di ottima qualità. Vari sono i modi per far scoppiettante questi chicchi color oro.

Per essere salutari, ecco qui un metodo infallibile per fare i pop corn a casa senza olio.

È possibile far scoppiare i chicchi di mais con l’utilizzo di un soffiatore in aria calda. Sono in vendita in molti negozi di elettrodomestici alcuni utensili utili per fare i pop corn con l’aria calda.

Basta mettere i chicchi di mais all’interno della macchinetta e far si che l’aria calda faccia scoppiare i chicchi.

Una volta scoppiati e pronti, usciranno fuori dall’apposito bocchettone. Prima di gustarli, salare leggermente.

Per chi invece preferisce sfruttare le onde del microonde per far scoppiare i chicchi di mais, possiamo trovare in commercio varie marche di pop corn preconfezionate. Basti poggiare il sacchetto dei chicchi di mais all’interno del microonde e azionarlo per circa 10 minuti.

I pop corn saranno pronti quando non si sentiranno più gli schioppi. Possiamo usare questi pacchetti anche dentro il forno, a massima potenza, ma non è molto affidabile, poiché non dorerà bene i chicchi di mais.

Una volta pronti, aprire il sacchetto e versare i pop corn caldi e già salati enorme una ciotola. Se mangiati caldi, sono teneri e più gustosi da assaporare.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche