×

Processo Jackson: Murray rinviato a giudizio. Chi ha ucciso il re del pop?

default featured image 3 1200x900 768x576
alg conrad murray michael jackson

A un anno e mezzo di distanza dalla sua morte e dopo sei giorni di udienze preliminari, la corte suprema di Los Angeles rinvia a giudizio il medico Conrad Murray, accusato di aver somministrato una dose eccessiva di sedativi a Michael Jackson. L’accusa sarebbe quella di omicidio colposa e la pena ha tutte l’aria di una “punizione” che non soddisferà affatto tutti i fan del compianto re del pop.

Quattro anni di carcere è il massimo che Murray può rischiare.

Inoltre non è messa a repentaglio la sua attività professionale di medico che potrà continuare ad esercitare fatta eccezione per la facoltà di sedazione, che il giudice dell’udienza preliminare gli ha revocato.
Bel colpo quindi per gli avvocati della difesa che sono riusciti a portare avanti la tesi secondo la quale la massiccia dose di anestetico non sarebbe stata iniettata da Murray che comunque porta con se la colpa di aver lasciato il paziente e di aver utilizzato dell’anestetico fuori dalla sala operatoria, pratica decisamente non consentita.

L’udienza preliminare potrebbe protrarsi anche per due settimane e già circolano i nomi di 35 testimoni chiamati al banco degli imputati tra cui il regista di “This is it” Kenny Ortega.
E mentre in tribunale si continua a discutere i fan pretendono giustizia e continuano a cercare l’inquietante risposta alla domanda “chi ha ucciso Michael Jackson?”


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora