> > Putin ha firmato la legge anti Lgbtq: diventa tutto illegale

Putin ha firmato la legge anti Lgbtq: diventa tutto illegale

Vladimir Putin

Putin ha firmato la legge anti Lgbtq: diventa tutto illegale e non riceveranno certificati di distribuzione nemmeno i film in cui parla del tema

A pochi giorni da varo ed annuncio Vladimir Putin lo ha fatto ed ha firmato la legge anti Lgbtq: diventa tutto illegale.

Scatta il divieto di manifestare che è norma e promuovere rapporti sessuali gay è illecito amministrativo. Secondo quanto riferito dall’agenzia stampa Ria Novosti e dalla Tass la firma è avvenuta ieri e per i russi cambia tutto. 

Putin ha firmato la legge anti Lgbtq

Il divieto a manifestare in favore delle istanze Lgbt è esteso a università, scuole, chiese, ospedali, edifici governativi, porti, aeroporti, stazioni ferroviarie e nelle adiacenze di infrastrutture per gas, acqua, elettricità e riscaldamento.

Ma Putin ha fatto di più: Mosca ha anche varato un’altra legge federale a sua firma: con quella si modifica il Codice degli illeciti amministrativi e si considera reato anche la promozione dei rapporti sessuali non tradizionali

L’effetto pratico delle nuova legge

La comunità Lgbtq+ è di fatto sotto attacco e Tass spiega che il divieto si riferisce alla “propaganda di rapporti sessuali non tradizionali, il cambio di genere e la pedofilia”.

La promozione dunque di rapporti sessuali non tradizionali nei confronti di persone di ogni età è vietata del tutto, sia sui social network sia sui media, nel cinema e nelle pubblicità. Ne consegue che non riceveranno certificati di distribuzione nemmeno i film in cui parla di omosessualità, cambio di genere o pedofilia.