×

Robert Johnson lascia il Cantù e andrà a Varsavia: non è vaccinato e non può allenarsi

Il cestista americano Robert Johnson è stato costretto a lasciare il Cantù perché, non essendo vaccinato, non può continuare ad allenarsi.

Robert Johnson Cantù

Robert Johnson, giocatore di basket del Cantù, ha terminato la sua esperienza in Brianza per trasferirsi a Varsavia: la società è stata costretta a risolvere il contratto con l’atleta americano perché, non essendo vaccinato, non potrà più allenarsi con i compagni di squadra.

Dal 10 gennaio 2022 in Italia è infatti obbligatorio possedere il green pass rafforzato per allenamenti e partite dilettantistiche.

Robert Johnson lascia il Cantù

Questa la comunicazione del club diffusa tramite i canali social: “S.Bernardo-Cinelandia Park Pallacanestro Cantù comunica di aver risolto il contratto in essere con l’atleta Robert Johnson“. Finisce così dunque l’avventura in Brianza del cestista statunitense dopo il tentativo della società di chiedere un’esenzione per il giocatore che, per arrivare in Italia, ha un visto lavorativo identico a quelli dei giocatori di serie A (dove potrebbe giocare).

Il ricorso è però stato respinto e Johnson è stato costretto a scegliere se vaccinarsi, non giocare o cambiare società. Convinto no vax per questioni religiose, ha optato per quest’ultima via e nei prossimi giorni volerà in Polonia per allenarsi nel Legia Kosz.

Robert Johnson lascia il Cantù perché non vaccinato: primo caso in Italia

Quello di Johnson è il primo caso in Italia di giocatore allontanato da un club perché impossibilitato ad allenarsi con i compagni e a giocare in campionato a causa del mancato vaccino.

Nel frattempo, il Cantù sta già pensando con chi sostituirlo e ha in mente la figura di Luca Vitali, in uscita dal Brescia, come rinforzo per cercare la promozione.

Contents.media
Ultima ora