×

Osteosarcoma, la malattia che ha ucciso Xana Martìnez

Tutti i sintomi e come si cura l'osteosarcoma, una gravissima malattia ossea.

xana morta osteosarcoma
xana morta osteosarcoma

L’osteosarcoma è una delle più gravi forme di tumore osseo. La malattia è abbastanza rara ma colpisce principalmente bambini e giovani adolescenti. Le cure sono molto invasive e possono volerci anni per debellare completamete la malattia. Di seguito una panoramica su cosa è, i sintomi e la cura dell’osteosarcoma

Osteosarcoma: cosa è?

L’osteosarcoma è un tumore maligno delle ossa che colpisce le cellule ossee. I tipi di cellule che colpisce sono due: osteoblasti, cioè che costituiscono l’osso, e osteoclasti, cioè quelle che aiutano a mantenere la forma naturale delle ossa. Questo tumore può colpire qualsiasi osso o parte di osso ma tendenzialmente colpisce quelle più lunghe: omero, radio, ulna, femore, tibia e perone.

L’osteosarcoma colpisce principalmente i bambini e solo in casi rari è diagnosticata ad adulti o anziani.

Le diverse forme della malattia sono classificabili in base al grado di gravità di diffusione del tumore in basso, intermedio o alto. Sulla quasi totalità dei casi il tumore si sviluppa fino al grado più violento e può provocare anche la formazione di metastasi.

I sintomi e la diagnosi

Il sintomo che più caraterizza questa malattia è l’acuto e intenso dolore alla zona in cui il tumore si è sviluppato. Se si presenta questo sintomo è importante non sottovalutarlo ma non bisogna neanche allarmarsi in quanto il dolore alle ossa potrebbeessere provocato anche da altri fattori meno gravi. Il dolore può essere accompagnato anche da gonfiore soprattutto se l’osteosarcoma ha colpito gli arti superiori o inferiori.

Se si presentano questi sintomi, il medico curante potrebbe prescrivere ulteriori accetamenti.

La diagnosi di osteosarcoma deve essere confermata attraverso una biopsia, cioè un prelievo bioptico nella zona interessat. In caso di esito sospetto o positivo si deve effettuare una Tac o una risonanza magnetica per avere immagini chiare dell’osso compromesso dalla malattia. L’ultima conferma della diagnosi si ha dall’esame istologico.

Come curare l’osteosarcoma

Come accade per ogni malattia grave, la terapia da seguire va stabilita nelle opportune sedi e guardando la storia clinica del paziente. Generalmente il primo passo per la cura dell’osteosarcoma è l’asportazione chirurgica combinata alla terapia chemioterapica. Fino a qualche tempo fa si procedeva alla totale amputazione dell’arto interessato dal tumore, oggi per fotuna la ricerca ha fatto passi da gigante e si rimuove soltanto la porzione di osso colpita dall’osteosarcoma.

In un secondo intervento si procederà ad impiantare una protesi.

Questo intervento dovrà essere ripetuto spesso se si tratta di bambini perchè le loro ossa crescono in fretta. La chemioterapia è utilizzata sia prima che dopo i vari interventi. Solo nei casi inoperabili si ricorre alla radioterapia, ma con finalità esclusivamente palliative.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:

Leggi anche