Virus FaceApp: attenti alle versioni non originali dell’applicazione
Scienza & Tecnologia

Virus FaceApp: attenti alle versioni non originali dell’applicazione

Smartphone
Smartphone

È allarme per un virus presente nelle versioni non originali di FaceApp. Il malware rischia di rendere totalmente inutilizzabili i nostri smartphone.

Continuano le polemiche su FaceApp, la popolare applicazione al centro delle cronache di questi giorni. Questa volta ad impensierire gli utenti social non è però il probabile uso non convenzionale che i gestori dell’app fanno dei nostri dati, ma i pericoli inerenti ai cloni dell’applicazione. Come riportato infatti dal noto sito internet Bufale.net, una sorta di virus FaceApp si anniderebbe all’interno delle versioni non originali del programma. Una minaccia concreta che potrebbe mettere fuori uso migliaia di smartphone.

Il virus dei falsi FaceApp

Nel suo articolo, Bufale.net riporta uno studio pubblicato dal team di Kaspersky, azienda russa specializzata in software per la sicurezza informatica. Nello studio, Kaspersky spiega come sarebbe attualmente in corcolazione sul web un malware capace di fingersi la popolare applicazione FaceApp.

Il finto FaceApp si troverebbe tranquillamente all’interno degli app store non ufficiali, come ad esempio quelli al di fuori dei servizi Ios, Google o Android. Scaricando il programma da questo genere di store, l’utente incapperebbe in un particolare programma che in breve tempo renderà sostanzialmente inutilizzabile il nostro telefono.

Il funzionamento del virus

Una volta scaricato inconsapevolmente il malware, questo inizierà a lavorare in background sul nostro dispositivo, facendo apparire annunci pubblicitari a ripetizione.

In questo modo, le funzionalità dello smartphone saranno notevolmente rallentate, mentre allo stesso tempo le persone che agiscono dietro a queste pubblicità potranno facilmente guadagnare grazie al vostro telefono.

Kaspersky ha inoltre diffuso il nome di questo virus, noto come MobiDash. Al momento sono già centinaia gli utenti colpiti dal malware che Kaspersky ha già individuato. Ricordatevi quindi che se volete provare anche voi il piacere di invecchiare il vostro volto di qualche decennio, cercate di farlo utilizzando solo l’app originale.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Jacopo Bongini
Nato a Milano, classe 1993, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera dove si laurea in "Nuove Tecnologie dell’Arte". Parallelamente all'ambito artistico, nel quale partecipa a diverse mostre del settore come admin della pagina Facebook Karbopapero 900, durante gli anni universitari sviluppa la passione per il mondo dell’informazione e della comunicazione. Passione che lo porta a diventare collaboratore dapprima per Il Giornale e in seguito per Notizie.it.