×

Seminarista 29enne morto a Roma, indagini aperte

Anthony Freeman, giovane seminarista americano, praticava sport ed era in salute. Il ritrovamento del suo cadavere desta sospetti

seminarista

Un seminarista di 29 anni è stato trovato morto nel suo letto, presso il Collegio dei Legionari di Cristo a Roma. Si tratta del giovane Anthony Freeman, proveniente dagli Stati Uniti. Il povero seminarista aveva passato il week end di Pasqua con degli amici. Godeva di ottima salute, e praticava regolarmente dello sport. La sua morte era perciò inattesa. Sembrerebbe che a stroncarlo sia stato un malore improvviso. Tuttavia, la Procura intende ricostruire i momenti prima della morte per far luce su questo caso.

Seminarista trovato morto

Anthony Freeman, americano, aveva 29 anni. Aveva scelto di diventare seminarista, ma al tempo stesso si può dire che godesse a pieno della sua vita. Aveva appena passato il fine settimana di Pasqua con gli amici, e praticava regolarmente sport.

Era molto attivo nei social, dove spesso veniva ritratto a giocare a calcio o a football americano. Aveva diversi giovani seguaci, conquistati con la fede. Per loro, Anthony Freeman era un coach spirituale. Spesso, il seminarista americano usava dire: “Il 99 per cento delle motivazioni materiali esistenti sono stare in forma ed essere ricco. Noi abbiamo bisogno di motivazioni e coraggio per vivere la nostra fede cattolica”. Godeva di ottima salute. La notizia, diffusa il 4 aprile, è giunta totalmente inaspettata. Anthony Freeman è stato trovato senza vita nel suo letto, presso il Collegio dei Legionari di Cristo a Roma. Apparentemente, a stroncare il giovane seminarista 29enne sembra essere stato un malore giunto nella notte. Ma, considerando la giovane età ed il suo stile di vita, è più che lecito porsi delle domande.

Le indagini

Gli inquirenti, hanno subito notato qualcosa di sospetto.

Lo stato del cadavere, infatti, non sembrava corrispondere al probabile orario del decesso. Lo stato della decomposizione del corpo del seminarista sembrava molto avanzato. In base alle testimoniane segnalate dai testimoni agli inquirenti, invece, la morte del povero Anthony Freeman doveva essere stata a 12 ore dal ritrovamento. È stata effettuata l’autopsia, e si attendono i risultati per chiarire meglio la situazione. Ad oggi, ufficialmente, il colpevole di questo giallo è un malore.

La ricostruzione

Vatican Insider ha fornito una possibile e probabile ricostruzione dei fatti, basandosi su elementi forniti direttamente dalla Congregazione. il corpo privo di linfa vitale del povero seminarista sarebbe stato rinvenuto nel primo pomeriggio di lunedì 2 aprile. A far la triste scoperta sarebbe stato uno dei confratelli del collegio di Via degli Aldobrandeschi, sull’Aurelia, dove il giovane risiedeva.

Quella mattina, era in programma una gita al mare organizzata per Pasquetta dai diversi seminaristi e studenti del Regina Apostolorum di Roma, presso la casa vacanze dei Legionari a Termini, frazione campana nella Baia di Sorrento. L’assenza di Anthony Freeman ha ovviamente insospettito i suoi compagni. Difficile immaginare che uno sportivo come lui saltasse questo evento, senza avvisare. E quindi c’è stata subito preoccupazione.

Leggi anche