Si rompe finestrino in cabina, copilota quasi risucchiato
Si rompe finestrino in cabina, copilota quasi risucchiato
Esteri

Si rompe finestrino in cabina, copilota quasi risucchiato

cabina aereo
cabina aereo

Il finestrino di un Airbus si è frantumato risucchiando il copilota, trattenuto dalla cintura. Il capitano ha compiuto un atterraggio di emergenza.

Il copilota di un aereo costretto ad un atterraggio di emergenza in Cina, a Chengdu, stava per essere risucchiato fuori dalla cabina di pilotaggio dopo l’improvvisa rottura di un finestrino. L’uomo indossava una cintura di sicurezza che gli ha impedito di essere trascinato fuori dal velivolo, e ha riportato qualche graffio e un polso slogato. Il capitano è infine riuscito a far atterrare l’aereo manualmente, senza che nessuno dei passeggeri fosse ferito.

Finestrino rotto, copilota rischia la vita

Si è conclusa con un sospiro di sollievo la brutta avventura dei piloti e passeggeri di un volo della compagnia cinese Sichuan Airlines, decollato lunedì 14 maggio poco dopo le 6 di mattina da Chonqing, in Cina, per raggiungere Lhasa, capitale del Tibet.

L’Airbus A319 aveva da poco raggiunto un’altezza leggermente inferiore ai 10000 metri, quando i membri dell’equipaggio dell’aereo hanno avvertito un rumore assordante. All’interno della cabina si è verificato un calo di pressione e di temperatura, che ha causato la rottura di uno dei finestrini che si è frantumato.

Sono stati momenti di terrore in particolare per il copilota, che ha rischiato di essere risucchiato dalla voragine creata dal finestrino rotto.

Fortunatamente, l’uomo indossava la cintura di sicurezza che ha evitato il peggio, trattenendolo all’interno dell’aereo, pur con qualche graffio e un polso slogato.

Pilota eroe

Il momento critico è stato gestito con sangue freddo dal capitano Liu Chuanjian, che è stato in grado di riportare a terra l’aereo manualmente con un atterraggio di emergenza effettuato nella città cinese di Chengdu.

Intervistato dal quotidiano Chengdu Business Daily, il pilota ha dichiarato che “tutto volava nella cabina di pilotaggio. Gran parte degli equipaggiamenti funzionava male e il rumore era così forte che non si riusciva a sentire la radio”.

Nonostante le condizioni difficili, Liu Chuanjian è riuscito infine a compiere l’atteraggio di emergenza mantenendo tutti i passeggeri illesi.

Uno di questi, raggiunto da China News Service, ha raccontato gli attimi di terrore vissuti a bordo: “Ci stavano servendo la colazione quando l’aereo ha iniziato a tremare. Nessuno di noi sapeva cosa stesse succedendo e siamo andati nel panico.

Sono scese le maschere dell’ossigeno… Ci sono stati alcuni secondi di caduta libera prima che l’aereo si stabilizzasse. Sono ancora nervoso per l’accaduto, non oserò più mettere piede su un aereo. Per fortuna è andata bene”.

Nel frattempo, è stata aperta un’inchiesta per indagare sulle cause che hanno portato all’incidente.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Alessandro Bai
Alessandro Bai 153 Articoli
Alessandro Bai, nato nel 1991 a Milano, città che ama ma da cui non può fare a meno di spostarsi (e ritornare, sempre). Una mamma brasiliana, un anno di studi in Inghilterra e la passione per le lingue mi hanno dato l'apertura mentale che cerco di riportare nel giornalismo. Racconto di sport per fare emozionare.