×

“Signora in rosso”, riaperto il caso a 30 anni dall’omicidio: indagati il marito e 4 nomadi

La Procura di Torino ha riaperto il caso della "signora in rosso": tra gli indagati per l'omicidio vi sono l'ex marito e quattro nomadi.

signora rosso riaperto caso

A distanza di trent’anni dai fatti, la Procura di Torino ha deciso di riaprire il caso della “signora in rosso”, la donna strangolata e trovata senza vita sotto un cavalcavia a Moncalieri. Tra le cinque persone iscritte nel registro degli indagati figura anche l’ex marito.

Signora in rosso: riaperto il caso

I fatti riguardano l’omicidio di Franca Demichela, uccisa il 15 settembre del 1991. Data la possibilità di analizzare gli stessi reperti rinvenuti all’epoca con tecnologie all’avanguardia, gli inquirenti hanno optato per dare il via a nuove indagini in cui verranno presi in esame profili genetici e tracce di DNA della vittima e confrontati con quelli dei cinque indagati.

Si tratta dell’ex marito della vittima Franco Capra e dei quattro nomadi che il giorno dell’assassinio, poco prima della sua morte, erano stati avvistati con la donna.

Le stesse persone hanno già presenziato ai vari processi che si sono susseguiti senza però essere mai condannati e uno dei quattro nomadi aveva dichiarato di aver incontrato la donna solo due volte in occasione di alcune feste.

Signora in rosso, riaperto il caso: i fatti

Quello della Demichela è rimasto un caso irrisolto per oltre tre decenni, da quando un senza tetto che stava camminando nella zona di Barauda, a Moncalieri, si è accorto della presenza del suo cadavere vicino un viadotto in tangenziale.

Ciò che ha colpito sin dall’inizio è stata la circostanza del rinvenimento: la donna giaceva infatti in mezzo ai rifiuti ai margini della strada ma con indosso un elegante abito rosso in chiffon (di qui la denominazione di “signora in rosso”), un turbante dii seta, una scarpa col tacco a spillo e una spilla con pietre preziose.

La donna aveva 48 anni ed era stata strangolata poche ore prima, intorno alle due di notte, in un altro posto per poi venire scaricata tra i rifiuti.

Contents.media
Ultima ora