Nadia Rovida morta: lutto nel mondo del basket | Notizie.it
Milano, mondo del basket in lutto: Nadia Rovida morta a 33 anni
Sport

Milano, mondo del basket in lutto: Nadia Rovida morta a 33 anni

Basket Milano, morta Nadia Rovida
Basket Milano, morta Nadia Rovida

Dopo una lunga lotta contro la malattia, si è spenta la cestista dell'Allianz Geas: il ricordo commosso della squadra.

Lutto nel mondo della pallacanestro milanese. A soli 33 anni si è spenta Nadia Rovida, cestista originaria di Garbagnate. Per anni la donna ha fatto parte della squadra dell’Allianz Geas. La sua morte è stata annunciata proprio dalla società attraverso un commovente post sui propri canali social. “Il Geas ricorda una persona speciale, che ha lasciato un segno positivo e di gioia negli anni che ha trascorso a Sesto. Ciao Nadia, è stato un onore vederti con la maglia rossonera addosso”, si legge su Facebook. In un articolo pubblicato sul portale Geas Basket, la società ha ricordato la lotta della donna contro quel “male che alla fine se l’è portata via”. La cestista, oltre alla squadra e agli amici, lascia un marito, Marco, e un figlio piccolo.

Cestista morta a 33 anni

La sua carriera nel mondo del basket al femminile è cominciata a Sesto, dove ha giocato fino ad arrivare in serie A2. Poi, il salto di qualità che l’ha portata in A1 con Alessandria, seguito dal passaggio alle squadre di Vittuone e Sanga, con cui ha fatto ritorno in A2.

Sui social, si moltiplicano i messaggi di cordoglio per la cestista. Primo fra tutti, quello della sua squadra: “Di Nadia Rovida resteranno impressi il sorriso e l’ironia con cui ha saputo affrontare il basket, la vita e la malattia. Se è vero, come ha scritto qualcuno, che nella vita non contano i passi che fai né le scarpe che usi, ma le impronte che lasci, quelle di Nadia sapremo riconoscerle sempre”.

Il ricordo della società

La storica capitana dell’Allianz Geas, Annalisa Censini, ha pianto la scomparsa di “una persona speciale, una persona di una bellezza d’animo rara“. “Mi ricordo quando da piccola veniva accompagnata dal papà in palestra”, ha commentato Carletto Vignati, dirigente Geas. “Ha giocato poi per tutti gli anni delle giovanili a Sesto, raggiungendo anche il secondo posto in una finale nazionale Under 18 giocata a Gressoney. Alla fine del percorso delle giovanili era andata a giocare altrove, ma poi è tornata da noi per disputare la A2. Ha vissuto per tanti anni nel clima Geas: la ricorderemo come parte di noi“.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 1786 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.