Il Genoa dice addio alla fisioterapista 25enne Orsetta Grandis
Sport

Il Genoa dice addio alla fisioterapista 25enne Orsetta Grandis

Genoa fisioterapista morta
Genoa fisioterapista morta

La ragazza è deceduta per un malore mentre si trovava col fidanzato in un albergo in provincia di Pavia, il giorno di Pasquetta.

Lutto nel mondo del calcio ligure. Si è spenta a soli 25 anni Orsetta Grandis, la fisioterapista della squadra giovanile del Genoa. La ragazza ha perso la vita a causa di un malore fulminante, si apprende da Savona News. Secondo quanto riportato da Fanpage, il decesso è avvenuto lunedì 22 aprile mentre la ragazza si trovava con il fidanzato in un albergo di Casei Gerola, in provincia di Pavia, per trascorrere il giorno di Pasquetta. La Procura pavese ha aperto un’inchiesta, informa Genova Today, per far luce sulle circostanze in cui è avvenuto il decesso.

Il saluto del Genoa

La giovane fisioterapista, originaria di Savona, è stata ricordata con affetto da tutto il club rossoblu. Sul sito ufficiale del Genoa si legge un commosso saluto: “Ciao Orsetta, è dura realizzare che non ci sei più per chi ti ha conosciuto in questi anni imparando a volerti bene. Ci hai messo poco, eh? Un inno alla vita. Un tornado di allegria.

Questa eri. Il ricordo delle giornate passate insieme consola, ma anche no. Serve appena a scalfire il muro. A combattere il magone con cui facciamo i conti. Una delle prime immagini che custodiamo, è quella nuvola di riccioli biondi tra i bambini dei nostri camp. Sì. Quelli con cui condividevi la passione per il Genoa dall’edizione n° 1 al Sassello, lassù, nel tuo nido, prima di ritrovarli poi in un altro ruolo per la professione che avevi scelto per il futuro. Già, il futuro. Nel momento delle lacrime ci piace ricordarti con un sorriso. Quei sorrisi che ti facevano conquistare punti e simpatie. Ti affidavi a loro per dare il buongiorno ai corsi che ogni anno erano diventati un appuntamento irrinunciabile. Lo specchio di un’anima pura. Un girasole che prendeva i raggi e li ridistribuiva agli altri. Energia positiva a cui attingere. Ci mancherà il tuo calore“.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in "Lettere moderne" presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in "Lettere moderne", con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it, passando da un iniziale stage curriculare a una collaborazione, fino a entrare a far parte della redazione. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.