×

Serie A, l’Atalanta vede la Champions: 1-1 con la Juve e 3° posto

Mandzukic replica a Ilicic all'Allianz Stadium. Gli orobici agguantano l'Inter, travolta 4-1 a Napoli.

Atalanta sempre più vicina alla Champions League. I nerazzurri pareggiano 1-1 contro la Juventus all’Allianz Stadium e volano al terzo posto in classifica, a quota 66. La Dea ha gli stessi punti dell’Inter, travolta 4-1 a Napoli, ma è davanti perché in vantaggio negli scontri diretti. Nell’ultimo turno l’undici di Gasperini se la vedrà col Sassuolo al Mapei Stadium di Reggio Emilia: in caso di successo sarà certa la prima e quindi storica partecipazione alla Coppa dalle grandi orecchie. Al cospetto dei Campioni d’Italia gli ospiti sbloccano la sfida al 33′: su corner del Papu Gomez i giocatori della Juve dormono e Ilicic appoggia a porta vuota dopo il tocco di Masiello. A 10′ dalla fine Mandzukic in spaccata supera Gollini (palla sotto le gambe) capitalizzando al meglio il traversone di Cuadrado.

La serata dei saluti

Il pari rispecchia l’andamento del match.

Nella prima frazione l’Atalanta ha molteplici occasioni (su tutte quelle di Hateboer e Zapata) e in generale controlla con grande tranquillità mentre i padroni di casa, privi di motivazioni, sfiorano il gol soltanto nei primi minuti (errore clamoroso di Cristiano Ronaldo). Nella seconda frazione la Signora tira fuori gli artigli riversandosi in attacco e agguantando, come detto, nel finale i rivali, con uno schieramento offensivo a dir poco (in campo contemporaneamente Dybala, Ronaldo, Mandzukic e Kean). Oltre all’aspetto tecnico la serata è stata caratterizzata dai saluti del popolo bianconero ad Allegri (non sarà lui il tecnico della Juve nella prossima stagione) e Andrea Barzagli. L’allenatore livornese è stato omaggiato dai tifosi con numerosi cori e uno striscione (“Uomo fiero, mister vincente.

5 anni di gloria dove hai scritto la storia. Grazie Max Allegri”). Il difensore, che ha deciso di appendere le scarpe al chiodo, ha ricevuto una standing ovation al momento del cambio ed è scoppiato in lacrime (quindi ha fatto il giro del campo per salutare i supporter).

Crollo Inter

Se l’Atalanta vede molto da vicino il prestigioso traguardo, l’Inter si complica la vita. Al San Paolo il Napoli domina e infligge una dura lezione alla formazione di Spalletti. Di Zielinski, Mertens e Fabian Ruiz (doppietta) i gol dei partenopei, già sicuri della seconda posizione. Utile solo per le statistiche la rete della bandiera messa a segno da Icardi su rigore. Ora il Biscione è atteso da 90′ di fuoco dato che il Milan è distante solo una lunghezza.

Al Meazza arriverà l’Empoli, attualmente quartultimo con 1 punto di vantaggio sul Genoa. Ultima giornata thrilling dunque tra lotta Champions e salvezza.


Nato a Milano, classe 1984, laureato in Lettere moderne all'Università degli Studi di Milano Statale. Ha collaborato con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Giorgio Meroni

Nato a Milano, classe 1984, laureato in Lettere moderne all'Università degli Studi di Milano Statale. Ha collaborato con Notizie.it.

Caricamento...

Leggi anche