×

Tethering Usb non funziona: cosa fare

Tethering bluetooth: come condividere connessione dati
Tethering bluetooth: come condividere connessione dati

Ecco cosa fare se il tethering usb del nostro smartphone Android non funziona correttamente e ci crea problemi di connessione.

Se il tethering usb non funziona su Android, potrebbe diventare impossibile potersi connettere ad internet mediante il nostro dispositivo mobile, per questa ragione è importante trovare subito una soluzione adeguata. L’espressione tethering significa letteralmente ‘incatenamento’. Il tethering consente di concatenare lo smartphone o altri dispositivi mobili, connettendo mediante una connessione 3G/LITE ad altri dispositivi che, altrimenti, non potrebbero essere connessi. Mediante il tethering Wifi è possibile attivare sul dispositivo mobile dotato dell’accesso di rete, un hotspot Wifi al quale è possibile connettere altri device, come ad esempio laptop e netbook. Se il tehering usb non funziona è possibile che sia stato bloccato dall’operatore di telefonia mobile.

Bisogna subito chiarire che non tutti gli operatori consentono, per motivi commerciali, di poter fruire del tethering da smartphone.

Per non rischiare addebiti imprevisti, è sempre bene controllare la possibilità di poter disattivare il tethering o la possibilità di poter usufruire dello smartphone come modem. Se il tethering non funziona su Android ecco cos’è possibile fare.

Innanzitutto evitiamo il rischio di addebiti, disattivando l’uso del telefono come modem, accedendo al pannello di controllo dell’utenza mobile. Controlliamo l’APN ed il tipo di APN, che non sono altro che i punti di accesso adoperati dagli operatori per consentire l’invio e la ricezione dei dati. Accediamo alla configurazione APN, controllando che sia presente l’indicazione ‘dun‘. Affinchè il tethering sia attivo e funzionante, dovremmo trovare impostata la stringa default, supl, dun. Se abbiamo impostato il tutto correttamente, allora riattiveremo la connessione dati dalla sezione Wireless e reti.

Andiamo poi su Configura hotspot Wi-Fi e impostiamo l‘SSID, cioè l’identificativo dell’hotspot wireless al quale collegheremo i dispositivi che potranno connettersi all’operatore telefonico.

Per proteggere l’hotspot consigliamo di inserire una password difficile da scardinare. Mettiamo la spunta su Hotspot Wi-fi Portatile, e l’hotspot sarà subito attivo, consentendoci di poterci connettere dallo smartphone, utilizzandolo come se fosse un modem.


Contatti:

Contatti:

Leggi anche