Come attivare tethering su Android
Come attivare tethering su Android
Android

Come attivare tethering su Android

tethering android

Col proprio dispositivo Android è possibile condividere la connessione dati con altri dispositivi, trasformandolo in un vero e proprio modem. Scopri come!

Del tethering abbiamo già parlato su queste colonne. Riassumendo, si tratta di una funzionalità di cui la maggior parte degli smarphone dispone. Serve per trasformare il proprio smartphone in un gateway per fornire la propria rete dati ai dispositivi che ne sono sprovvisti. È inoltre un metodo per trasformare il proprio dispositivo portatile in un vero e proprio modem a cui collegarsi, nel caso si sia sprovvisti di rete Wi-Fi casalinga o semplicemente se non sono presenti connessioni internet utilizzabili nei paraggi. Oggi dedichiamo questo articolo ad un piccolo approfondimento relativo al procedimento per attivare la condivisione della connessione dati sul sistema operativo Android.

Già da parecchi anni i telefoni cellulari, prima ancora degli smartphone, permettono di condividere la propria connessione internet attraverso una procedura chiamata tethering (letteralmente incatenamento). Innanzitutto bisogna fare delle distinzioni tra i vari tipi di condivisione dati. La via più conosciuta è certamente la creazione di un hotspot Wi-Fi, ma la condivisione di dati può avvenire attraverso altri metodi, come il Bluetooth e via USB.

Queste tipologie di condivisione servono anche a mettere a disposizione la propria linea Wi-Fi per i dispositivi che non ne possiedono la connessione.

Tethering su Android

Come spiegato nell’introduzione, esistono diversi modi per creare una condivisione dati (tethering) per permettere ad altri dispositivi di usare la propria rete dati. Vediamo più da vicino queste possibilità:

  • Hotspot Wi-Fi
    È possibile creare un hotspot portatile, libero o protetto con una password prescelta, condivisibile con tutti i dispositivi a portata di campo. Per creare un hotspot, è necessario aprire il menù del nostro smartphone e accedere al pannello delle impostazioni. In seguito, andare su wireless e reti, cliccare altro e poi Tethering o hotspot portatile. Una volta fatto ciò, basterà fare click su Configura Hotspot Wi-Fi, selezionare nome, sicurezza, una password sicura e la banda dell’access point, preferibilmente a 2.4 GHz e il gioco è fatto.
  • Condivisione dati via USB
    La condivisione dati USB, invece, è adatto per coloro che vogliono condividere la propria connessione dati o Wi-Fi con il PC senza intaccare il livello della batteria del proprio smartphone.

    La connessione è davvero semplicissima perché basta connettere il proprio dispositivo Android al PC con un cavo USB. Sarà poi necessario seguire i seguenti passaggi: cliccare su Impostazioni > Wireless e reti > Altro > Tethering/hotspot portatile > e infine attivare Tethering USB.

  • Bluetooth
    Attraverso la connessione dello smartphone con un altro dispositivo attraverso il Bluetooth è possibile effettuare, appunto, il tethering Bluetooth per condividere la propria connessione dati. Come per la connessione tramite USB, il vantaggio rispetto alla creazione di un hotspot Wi-Fi col proprio cellulare è che il consumo della batteria è minore. Bisogna ricordare che con la condivisione della rete via Bluetooth sarà un po’ più lenta la connessione per lo scambio dati. Ciononostante, resta di buono la possibilità di condividere la connessione Wi-Fi con il dispositivo associato. Per avviare la condivisione della connessione dati tra due dispositivi basta andare su Impostazioni > Bluetooth, ricordandosi di attivarlo su tutti e due i dispositivi e cercare l’altro tra quelli disponibili.
© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*