×

Tromba marina a Torvaianica: panico in spiaggia

Una tromba marina semina il panico su una spiaggia di Torvaianica, facendo volare lettini, ombrelloni e sedie dei bar. Foto e video scioccanti.

default featured image 3 1200x900 768x576

Paura a Torvaianica, nota frazione balneare di Pomezia in provincia di Roma, a pochi chilometri da Ostia, a causa una tromba marina formatasi improvvisamente sul Tirreno tra le 12. 30 e le 13 di mercoledì 11 luglio 2018. Questa ha raggiunto una spiaggia, il Lungomare delle Sirene, diventando un mini tornado e spazzando via lettini, ombrelloni, sdraio e sedie dei bar.

Molti bagnanti si sono dati alla fuga. Altri, più temerari, sono rimasti sul posto, fotografando e realizzando video del pericoloso fenomeno a distanza ravvicinata, usando i loro smarthphone. Diversi danni alle cose (per esempio si parla di due stabilimenti scoperchiati) e pare ci sia un ferito. Ora foto e filmati di quanto è successo, stanno circolando sul web.

In realtà le trombe marine sono state due. Mauro Zecca, della Lega Navale di Pomezia, scrive su Facebook che entrambe hanno sfiorato la loro base nautica, una a levante, l’altra a ponente.

Fortunatamente in mattinata è stato deciso di non effettuare le previste lezioni di vela.

La fuga

Cosa è accaduto

I fenomeni di cui abbiamo parlato si sono verificati a causa dell’instabilità meteorologica che sta coinvolgendo il Centro Nord.

In particolare ciò significa sia l’arrivo di aria fredda norvegese dal settentrione, che calda dall’Africa (il caldo coinvolgerà presto tutta la penisola).

Per la formazione di una tromba marina dev’esserci una nuvola scura chiamata cumulus congestus (cumulo congesto) e non un cumulonembo in fase matura, come nel caso delle semplici trombe d’aria. La superficie dell’acqua deve avere un’elevata temperatura. In particolare si scontrano due correnti, una fredda e una calda che proviene dal mare. Il tutto termina quando la tromba raggiunge la terra ferma.

I nuvoloni

Alcuni precedenti nella stessa località

Torvaianica aveva già avuto a che fare con episodi simili. I più recenti sono stati il 4 settembre del 2015 e il 3 dello stesso mese del 2017. Foto e video si trovano anche in questo caso sul web.

In particolare, nel secondo caso, sono state coinvolte anche Tor San Lorenzo e Aprilia con diversi danni. Nella prima località, un albero si è abbattuto su un’auto che percorreva la via principale. Le due persone sulla vettura hanno riportato soltanto lievi ferite, ma il mezzo su cui viaggiavano, è rimasto gravemente danneggiato. Uno stabilimento balneare ha visto distrutti tutti gli arredi esterni in legno e le attrezzature da mare.

Paura anche ad Aprilia, dove il vento ha sradicato due alberi, caduti sulle macchine in sosta e sui marciapiedi. Cadute anche alcune tegole su delle vecchie palazzine.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora