×

Uccide il figlio di 2 anni: “Lo massacravo di calci e pugni, pensavo avesse il malocchio”

Un dramma senza fine è quello di un 26enne che uccide il figlio di due anni: il racconto dei dettagli è raccapricciante.

Uccide il figlio di 2 anni, la richiesta del pm

Emergono nuovi dettagli sull’uomo che uccide il figlio di due anni a Milano, precisamente in zona San Siro. Il 26enne si chiama Alija Hrustic e ha fornito agli inquirenti dei dettagli che fanno veramente rabbrividire.

Uccide il figlio di due anni, i motivi

Intanto il pubblico ministero ha chiesto di condannare il ragazzo all’ergastolo e non solo: proposto anche quasi un anno di detenzione in isolamento diurno. Secondo quanto dichiarato al pm Giovanna Cavalleri, il ragazzo “quando fumava hashish se la prendeva con il bambino. Mi ero convinto – dichiara l’omicida – che il mio figlio più piccolo avesse il malocchio, lo aveva detto anche mia madre. Mi facevo un casino di paranoie su di lui.

Mi svegliavo la notte tutto fumato, lo svegliavo e lo massacravo di calci e pugni”.

Ragazzo uccide il figlio di due anni, la situazione

Secondo il pm Cavalieri la madre del bambino “prima del delitto era totalmente dipendente da lui, non aveva un documento di identità, né di residenza o cittadinanza. Non aveva nemmeno il medico di base, tanto che quando i figli stavano male, anche solo per una banale febbre, li doveva portare al pronto soccorso”.

Il delitto è avvenuto a maggio del 2019, ma soltanto adesso il quadro della vicenda inizia a contornarsi di ulteriori novità.

Uccide figlio di due anni, la telefonata della madre

Un mese prima del delitto, sempre secondo quanto appurato dal magistrato, la madre del piccolo avrebbe visto il marito picchiare il bambino con una cintura alla schiena. Da qui la decisione di chiamare il numero di emergenza, salvo cambiare idea nell’immediato. Dopo aver ricevuto la chiamata dal 112 si sarebbe giustificata parlando di “un errore delle bimbe”. La sentenza per Hrustic è intanto attesa il prossimo 25 maggio 2021.

Altri episodi

Tragedia a Melbourne, dove una madre ha ucciso i suoi tre figli di sette, cinque e tre anni per poi togliersi la vita. Ad effettuare la drammatica scoperta è stato il compagno e padre dei bambini che, una volta rientrato a casa, ha lanciato subito l’allarme.

A Saluzzo, in provincia di Cuneo, si è consumato un omicidio-suicidio. Nel centro cittadino Umberto Ciauri, 48 anni, ha ucciso la madre 81enne Giuseppina Moiso e successivamente si è tolto la vita. L’accaduto, secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, sarebbe avvenuto in corso Roma 33, precisamente nella zona di Porta Cuneo.

Contents.media
Ultima ora