×

Usa, in che modo i dati personali potrebbero essere usati per applicare le leggi contro l’aborto

Negli Usa c'è il timore che i dati personali possano essere utilizzati per l'applicazione delle leggi contro l'aborto.

proteste

Dopo l’approvazione delle leggi che vietano l’aborto (e che ha generato una miriade di proteste in vari stati) negli Usa c’è il timore che i dati personali possano essere usati per l’applicazione di tali norme. App per il tracciamento del ciclo mestruale o le sole ricerche online potrebbero essere un pericolo, dato che ci sono già dei precedenti.

Sono del resto già tredici gli stati Usa in cui i procuratori possono iniziare a perseguire coloro che potrebbero aver violato il diritto. Ogni stato ha delle sanzioni ben precise. A rischiare sono anche i medici che partecipano all’interruzione della gravidanza. Tra le pene previste sanzioni economiche o la revoca della licenza medica. Non si esclude, inoltre, la reclusione.

Usa, leggi contro aborto: aumentate le interruzioni autogestite

Da qualche anno risulta esserci un aumento delle interruzioni degli aborti autogestiti, ovvero le interruzioni di gravidanza che avvengono senza la presenza di un professionista che supervisioni l’atto.

Tali interruzioni avvengono, tramite l’autosomministrazione di farmaci specifici.

Talvolta gli aborti spontanei non sono così facilmente distinguibili dalle interruzioni di gravidanza con farmaco. Proprio per questo motivo c’è l’ipotesi che i procuratori possano avviare indagini su qualsiasi donna che sia stata in dolce attesa, ma che non avrebbe proseguito la gravidanza, anche nel caso in cui l’aborto sia stato spontaneo.

Contents.media
Ultima ora