×

Usa, uragano Harvey, salgono a 18 i morti

Condividi su Facebook

Continua a salire purtroppo il bilancio delle vittime provocate dall'uragano Harvey che ha colpito il Texas: ora sono 18 le persone ritrovate senza vita

uragano Harvey

Continua a salire purtroppo il bilancio delle vittime provocate dall’uragano Harvey che ha colpito il Texas. In questo momento sono infatti diventate diciotto le persone che hanno perso la vita a causa delle inondazioni provocate dalla tempesta tropicale.

Uragano Harvey, sale il bilancio delle vittime

Sale il numero delle persone che hanno perso la vita a causa delle inondazioni provocate dall’uragano Harvey. Ora infatti il bilancio delle vittime causate dalla tempesta tropicale che ha colpito il Texas è salito è quota diciotto.

Nelle ultime ore sono stati confermati tre ulteriori decessi. Si tratta di tre donne di ottantanove, settantasei e quarantacinque anni. Le autorità e le famiglie hanno confermato il numero di diciotto vittime, nonostante alcuni corpi, trascinati dalle acque alluvionali, non siano ancora stati ritrovati.

Secondo quanto riportato dal New York Times, però, se si considera il numero dei dispersi il bilancio delle vittime può salire ulteriormente a quota trenta.

A Houston la situazione appare decisamente grave soprattutto per quanto riguarda gli sfollati, che potrebbero arrivare fino a trentamila persone.

Donald Trump in visita in Texas, le parole del Presidente degli Stati Uniti

Il governatore del Texas, il repubblicano Greg Abbott, ha elogiato il Presidente Trump per la vicinanza che ha mostrato dopo il disastro e inoltre ha sottolineato “da due settimane siamo in contatto costante con la Casa Bianca. Possiamo contare sul presidente”.

Nella giornata di ieri, il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è diretto verso Austin, dove ha visitato i centri di soccorso. Lo scorso lunedì, lo stesso Trump ha assicurato che i texani avranno tutto ciò di cui hanno bisogno e ieri ha aggiunto: “Vogliamo che si guardi indietro a questo disastro di proporzione epiche tra 5-10 anni e si dica: è così che si fa”.

Ad accogliere il Presidente c’erano i parlamentari repubblicani dello Stato, che sono stati accusati di ipocrisia dai democratici, in quanto ora chiedono dei fondi subito, mentre nel 2012 dopo l’uragano Sandy invece si erano messi di traverso.

La situazione che si vive a Houston

Nel frattempo a Houston, quarta città degli Stati Uniti, le strade si sono trasformate in dei veri e propri fiumi.

Ulteriori rischi arrivano dai serbatoi, che erano stati pensati per contenere le piogge e non per far debordare i fiumi.

Questi serbatoi, però, per la prima volta si sono riempiti così tanto da tracimare nonostante vari tentativi per aprirli in maniera controllata.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche