×

Vaccini, trafugati i dati di 7,4 milioni di italiani: informazioni messe in vendita sul web

I dati di 7,4 milioni di cittadini italiani che hanno prenotato i vaccini sarebbero stati trafugati e messi in vendita online.

Vaccini dati trafugati

Stando a quanto si apprende sarebbero stati trafugati i dati che milioni di italiani hanno inserito nella prenotazione dei vaccini anti Covid: si tratta di identità, codici fiscali, residenze e numeri telefonici che sarebbero già stati messi in vendita sul web.

Vaccini: dati trafugati

Sarebbe stato un anonimo ad aver ha annunciato la vendita di un archivio contenente le informazioni vaccinali di 7.395.688 italiani di cui alcune sono già state publicate. Secondo le prime ricostruzioni si tratterebbe di dati appartenenti in gran parte a professionisti iscritti all’Ordine nazionale degli psicologi provenienti da tutta Italia.

L’ hacker che li ha messi in vendita ha spiegato di averli raccolti nell’ultimo mese sfruttando alcune vulnerabilità ancora presenti nei sistemi.

Molte delle persone a cui sono stati sottrattele informazioni personali sono della Campania e in generale dell’Asl del Centro-Sud. L’elenco completo è inaccessibile se non a pagamento.

Secondo le informazioni condivise pubblicamente dallo stesso hacker, negli archivi ci sarebbero i dati di oltre 7 milioni di utenti tra cui 6.5 milioni di indirizzi email univoci e 5.3 milioni di password “per lo più protette da cifratura” Il venditore ha anche precisato che venderà l’intero archivio solo due volte: “Se non rispondo, ho già a che fare con qualcun altro“.

Vaccini, dati trafugati: è una truffa?

Verificando alcuni dei dati personali riportati per attirare gli acquirenti, si scopre che ce ne sono di già pubblici, cosa che potrebbe far pensare che sia una truffa. Un altro elemento a favre di questa ipotesi riguarda il fatto che l’annuncio è stato pubblicato su un normalissimo forum come tanti altri accessibile da chiunque senza difficoltà. Una condizione po’ strana per un’operazione del genere.

Contents.media
Ultima ora