Wimbledon, il trucco per vedere le partite senza biglietto - Notizie.it
Wimbledon, il trucco per vedere le partite senza biglietto
Tennis

Wimbledon, il trucco per vedere le partite senza biglietto

Wimbledon
Wimbledon

A Wimbledon "abbiamo visto Federer senza pagare il biglietto" Ecco un trucco per accedere al campo centrale senza pagare.

Il Torneo di Wimbledon, che ricorre annualmente all’inizio dell’estate all’interno del Wimbledon Park Tennis Courts, è il più antico e prestigioso torneo della storia del tennis. Per chi si muove dall’Italia per assistere alle partite dei grandi campioni, i voli diretti per Londra partono quotidianamente dai principali aeroporti del paese come Milano, Bergamo, Roma, Napoli e Catania. Acquistare i biglietti per le partite più attese, che si svolgono principalmente sul campo centrale e sul campo 1, può essere molto dispendioso. Esiste però, per chi vuole risparmiare, un trucco per riuscire ad assistere alle partite del Centre Court e del Camp 1, senza aver acquistato il relativo biglietto.

Wimbledon, come entrare alle partite senza biglietto

Logo Wimbledon

Gli appassionati di tennis attendono con ansia l’inizio dell’estate per poter assistere al terzo appuntamento annuale del Grande Slam: Wimbledon. Il torneo inglese si svolge dopo l’Australia Open e l’Open di Francia e precede l’ultimo appuntamento del Grande Slam: l’US Open.

Ogni anno i più grandi atleti del ranking mondiale maschile e femminile si sfidano per conquistare la vittoria alla finale. Il flusso di turisti che investe la capitale inglese durante i mesi estivi, già copioso, aumenta ulteriormente durante i giorni del torneo: visitatori arrivano a Londra da tutto il mondo per assistere alle partite.

Come raggiungere Wimbledon dall’Italia

Per raggiungere il Wimbledon Park Tennis Courts dall’Italia ci si deve, prima di tutto, affidare alle compagnie aeree low cost che arrivano a Londra, solitamente gli aeroporti più serviti sono Heathrow e Gatwick. I voli per Londra partono quotidianamente dai maggiori aeroporti italiani come Milano, Bergamo, Roma, Napoli e Catania. Una volta arrivati a Heathrow o a Gatwick è possibile, tramite servizio ferroviario, raggiungere il centro della città. Per raggiungere i campi è sufficiente quindi acquistare un biglietto dei mezzi pubblici valido fino alla zona 3, prendere la metro e scendere alla fermata “Wimbledon Park”. Da qui è possibile raggiungere i campi sia a piedi, impiegando circa 15-20 minuti, sia tramite navetta.

“Abbiamo visto Federer senza biglietto”

Dal momento che i biglietti per le partite del Centre Court, del Camp 1 e del Camp 2 sono molto costosi e devono essere comprati con largo anticipo, due giovani italiani hanno architettato un trucco per accedere alle partite più attese senza acquistare il biglietto corretto.

Stefano Meloccaro ha pubblicato su Sky Sport una breve intervista (datata 2017) a Rudi e Andrea, due ragazzi italiani che, al loro arrivo a Londra, non avevano alcun biglietto eppure, alla fine, sono riusciti “a vedere Federer sabato nel suo match di terzo turno contro Zverev”.

Rispondendo alla domanda su come sono riusciti a procurarsi il biglietto per il campo centrale, Rudi e Andrea spiegano che è necessario “svegliarsi alle 4 del mattino, arrivare a Wimbledon, Wimbledon Park, fare una fila all’incirca di sei sette ore: siamo arrivati verso le sei del mattino e siamo entrati alle 3 del pomeriggio”. “Tutto questo per avere un biglietto Ground” aggiunge Meloccaro, “25 sterline dal campo tre al campo diciotto: centrale, uno e due esclusi” – replica Andrea.

Poi, Rudi e Andrea si sono messi davanti al Campo Centrale e hanno cercato “disperatamente una persona che esce, solitamente sono gli anziani, che possono regalarti un biglietto”, a cui chiedere “are you leaving the court?”, ossia “stai lasciando il campo?” e proporre di scambiare il proprio biglietto Ground con il biglietto per il campo centrale (di cui non ha più bisogno).

“Sabato per esempio aveva finito di giocare Đoković, l’anziano che esce dal Centrale ha visto Đoković, tutto sommato è contento, non sa nemmeno che il match dopo c’è Roger Federer” e lascia il campo concedendo ai fortunati che hanno pazientato fuori dal Centre Court il proprio biglietto.

Il trucco per chi non ha il biglietto

Come abbiamo visto quindi, i biglietti di accesso ai campi principali sono giornalieri.

Tuttavia, assistere per tutto il giorno alle partite sotto al sole può essere molto faticoso e non tutti gli spettatori reggono, soprattutto quelli in età più avanzata. Il trucco consiste quindi nell’acquistare un biglietto per un campo minore e, successivamente, appostarsi alle uscite del campo a cui si vuole accedere, attendendo i primi spettatori che escono dal campo e liberano posti sulle tribune. A questo punto sarà sufficiente chiedere loro di fare scambio di biglietto, richiesta che la maggior parte delle volte va a buon fine, per avere accesso al campo.

Il sistema dei campi

Le partite del Torneo di Wimbledon si svolgono su un totale di 20 campi. Il criterio con cui vengono distribuite le partite sui diversi campi da gioco è di tipo gerarchico: sul Centre Court (campo centrale) e sui campi uno e due si svolgono le partite dei tennisti e delle tenniste in cima al ranking mondiale. Più è alto il numero del campo più bassa è la posizione nel ranking dei giocatori che disputano la partita.

campi wimbledon

Per questo motivo la fascia di prezzo dei biglietti acquistabili varia a seconda del campo a cui si vuole avere accesso.

Questo significa che i biglietti per il Centre Court, il Camp 1 e il Camp 2, con posto riservato, sono molto più costosi del biglietti per gli altri campi.

Ci sono cinque tipi di biglietto acquistabili:

  • Centre Court: consente l’accesso giornaliero al campo centrale di Wimbledon, con posto a sedere assegnato
  • N.1 Camp: consente l’accesso giornaliero al campo 1 di Wimbledon, con posto a sedere assegnato
  • N.2 Camp: consente l’accesso giornaliero al campo 2 di Wimbledon, con posto a sedere assegnato
  • N.3 Camp: consente l’accesso giornaliero al campo 3 di Wimbledon, con posto a sedere assegnato
  • Grounds Admission: consente l’accesso a tutti i campi dal 3 al 19, senza però il posto a sedere assegnato

Come e dove acquistare i biglietti

coda wimbledon

I metodi tramite cui acquistare i biglietti sono due: online o al botteghino il giorno stesso delle partite. Wimbledon infatti è uno dei pochi Tornei di tennis a cui si può accedere come spettatori acquistando il biglietto al botteghino, aperto al Gate 3, il giorno stesso delle partite a cui si desidera assistere. Vengono infatti riservati dagli organizzatori un numero di biglietti limitato per il campo centrale e per il campo 1 e 2, ad eccezione degli ultimi quattro giorni di torneo per il Centre Court, per i quali i biglietti vengono venduti esclusivamente online.

Un altro metodo per accedere facilmente all’acquisto dei biglietti è l’iscrizione al Ballot di Wimbledon, un sorteggio a cui gli interessati possono iscriversi sperando di aver assegnata la possibilità di acquistare il biglietto per i match più richiesti del Torneo. Per accedere al ballot è però necessario muoversi con largo anticipo: le iscrizioni aprono generalmente nel mese di dicembre dell’anno solare precedente al torneo.

Wimbledon, storia e tradizioni del Torneo

Il Torneo di Wimbledon, ora universalmente conosciuto come il torneo di tennis per eccellenza, nacque nel 1877, poco dopo la nascita dello sport del tennis. Le regole stabilite in occasione del primo Torneo sono molto simili a quelle attuali, ad eccezione dell’altezza della rete e della distanza della linea di servizio dalla rete. Al primo Torneo di Wimbledon parteciparono 22 giocatori e il prezzo del biglietto era di una sterlina e uno scellino. Inizialmente Wimbledon, come la maggior parte dei tornei sportivi ufficiali, era disputato solamente da uomini, le donne approdarono a Wimbledon solo nel 1884, cinque anni dopo l’Irish Competition, primo torneo di tennis al mondo ad aver introdotto il singolare femminile.

Al torneo ricorrono annualmente tradizioni che sono diventate fondanti dell’identità stessa di Wimbledon. Tra queste c’è sicuramente il periodo in cui Wimbledon deve svolgersi: sei settimane prima del primo lunedì del mese di agosto e dura due settimane. Durante il Torneo inoltre, un falco di nome Finnegan vola sui campi da gioco tutte le mattine alle nove per circa un’ora, per intimorire i piccioni che potrebbero disturbare lo svolgimento dei match. La tradizione più conosciuta di Wimbledon riguarda però le divise dei giocatori, che devono essere obbligatoriamente bianche (anche se sono concessi dettagli di altre tonalità). Infine, c’è l’amata tradizione delle fragole con panna: durante i match infatti vengono offerti agli spettatori spuntini di fragole e panna montata.

I record di Wimbledon

trofei wimbledon

Il match in assoluto più lungo mai disputato durante il Torneo di Wimbledon risale al 2010 ha visto scontrasi John Isner e Nicholas Mahut, per una durata di 11 ore e 5 minuti. Il mach più breve invece risale al 1881 tra William Renshaw e John Hartley, risoltosi in favore di Renshaw in soli 37 minuti.

Quella che viene ritenuta universalmente la partita più bella della storia di Wimbledon è piuttosto recente: si tratta della finale disputata nel 2008 da Federer e Nadal. I due si erano già affrontati in diverse occasioni anche all’interno del Grande Slam, ma a Wimbledon aveva sempre prevalso lo svizzero Federer. La finale del 2008 durò 4 ore e 48 minuti, fu interrotta due volte per via del maltempo, e vide prevalere lo spagnolo Nadal per 9 a 7.

Nella classifica dei tennisti che si sono più volte aggiudicati il Torneo primeggia proprio Roger Federer, che vanta 8 vittorie. Tra le tenniste invece domina ancora Martina Navrátilová, tennista staunitense che si è aggiudicata il torneo 9 volte. La celebre tennista tedesca Steffi Graff si posiziona al terzo posto, a pari merito con Serena Williams.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.