Attore bambino Mamma ho perso l'aereo - Notizie.it

Attore bambino Mamma ho perso l’aereo

Cinema

Attore bambino Mamma ho perso l’aereo

Vi ricordate il piccolo Kevin di “Mamma ho perso l’aereo”? Ecco com’è diventato, tra eccessi e rehab: Macaulay Culkin è irriconoscibile.
Come ogni Natale, ritornano nei palinsesti televisivi due dei film natalizi più visti negli ultimi vent’anni: “Mamma ho perso l’aereo” e “Mamma ho riperso l’aereo: mi sono smarrito a New York”. Il primo film è stata la commedia con maggiori incassi di tutti i tempi negli Stati Uniti.

E’ con questi due film che è diventato famoso in tutto il mondo Macaulay Culkin, che ha interpretato il ruolo di Kevin, il bambino che è stato dimenticato dalla sua famiglia a casa mentre stavano partendo per le vacanze natalizie.
L’attore è nato a New York il 26 agosto 1980, ha esordito con alcuni annunci pubblicitari e nel film del 1989, “Lo zio Buck”. E’ con “Mamma ho perso l’aereo” che Culkin diventa il bambino attore più pagato nel mondo.

Nel 1991 appare nel videoclip di “Black or white” di Michael Jackson, con il quale stringe una profonda amicizia poichè entrambi condividevano il fatto di avere avuto un’infanzia poco felice.

Trascorse un lungo periodo a casa del cantante e quando fu accusato di pedofilia, testimoniò a suo favore.
Dopo altri lavori, la carriera per “Mac” termina precocemente nel 1994 quando ha poco più di 14 anni. Il padre ha usato tutto il suo patrimonio e alla fine, la battaglia legale dei genitori per l’affido del figlio, viene vinto dalla madre.

Ma l’attore non uscirà mai da questa situazione e decide di ritirarsi dalle scene. Passeranno dieci anni prima di vedere Culkin nuovamente sulle scene ma ancora una volta la sua carriera sembra vacillare nuovamente. Si sposa appena 18enne ma il suo matrimonio termina con un divorzio nel 2002; nel 2008 sua sorella muore investita. L’attore è stato più volte ricoverato per abuso di sostanze stupefacenti, in particolare eroina. Sembra che negli ultimi anni si sia ripreso in seguito alle terapie riabilitative.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche