Busta paga, nuova trattenuta mensile COMMENTA  

Busta paga, nuova trattenuta mensile COMMENTA  

busta-paga-638x425

La legge di stabilità 2014 ha previsto un nuovo prelievo dallo stipendio mensile di alcuni lavoratori: si tratta di un contributo Inps pari allo 0,50% che va calcolato sullo stipendio lordo, mentre un terzo di tale contributo deve essere corrisposto dal lavoratore. Sarà prelevato nei cedolini dei lavoratori delle imprese che non rientrano nella normativa per la cassa integrazione e che occupano un numero di dipendenti superiore a quindici. La trattenuta in busta paga verrà effettuata a partire dal mese di Ottobre. I contributi serviranno ad alimentare il Fondo di solidarietà residuale presso l’Inps istituito dalla legge Fornero. In pratica, verrà prelevato 1,66 euro ogni mille euro di stipendio lordo mensile, e non trattenuto sul netto.

Leggi anche: Professioni Sanitarie: quali sono?


Come afferma il decreto ministeriale che ha dato vita al Fondo, questo è attivo “per tutte le imprese non rientranti nel campo di applicazione della normativa in materia di integrazione salariale”, e cioè le aziende che hanno più di 15 dipendenti escluse dalla cassa integrazione.

Leggi anche: BV Invest, l’eccellenza nella formazione manageriale

Il Fondo di solidarietà residuale presso l’Inps serve a fornire una tutela in caso di riduzione o sospensione dell’attività lavorativa per cause previste dalla legge in materia di integrazione salariale ordinaria o straordinaria.

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*