Controllo bollo auto: cosa sapere

Motori

Controllo bollo auto: cosa sapere

Controllo bollo auto: cosa sapere
Controllo bollo auto: cosa sapere

Il bollo auto è un’imposta che versano tutti i possessori di veicoli con immatricolazione italiana: questa tassa viene versata alla regione.

Il bollo auto non è altro che una tassa regionale ai sensi del testo unico sulle leggi automobilistiche; tale tassa la devono versano i proprietari di motoveicoli e autoveicoli alla regione a cui appartengono; il calcolo, così come il pagamento avvenuto o gli enventuali ritardi, sono controllabili in molteplici modi, perfino online.

Controllo bollo auto: come fare

Il bollo auto può tranquillamente essere controllato online: basta andare sul sito dell’agenzia delle entrate, dove indicando la targa del veicolo interessato (o dei veicoli in caso di possesso di vari veicoli interessati dal bollo auto) è possibile capire quanto bisogna pagare. Oltre al sito dell’agenzia delle entrate dovrebbe essere possibile accedere a questo servizio sul sito della regione di appartenenza, anche se, variando di regione in regione, non è sempre detto che sia presente o facilmente rintracciabile la sezione per il calcolo del bollo auto.

In ogni caso, rivolgendosi anche personalmente a questi enti, dovrebbe essere possibile risalire con facilità all’ammontare della somma da pagare, in modo da essere certi della somma che bisogna versare.

Come controllare scadenza bollo auto

La scadenza del bollo auto va sempre tenuta a mente, poiché ritardi nel pagamento possono dare il via a sanzione pecuniarie ai danni di coloro che non pagano in tempo. Secondo la normativa attualmente in vigore, questa tassa decade il 31 dicembre a partire dal terzo anno successivo all’ultimo pagamento; il primo metodo di controllo è dunque la conservazione di tutti i documenti inerenti al pagamento della tassa, che tra le altre cose possono servire in caso di disguidi legati al pagamento della stessa. E’ inoltre oppurtuno che questi documenti vengano utilizzati per controllare il costo da versare e se questo ha avuto variazioni (in caso di cambiamenti da parte della regione stessa o errore da parte dell’agenzia delle entrate).

Un ulteriore strumento di controllo, esattamente come per il controllo del costo del bollo auto, sono gli enti governativi che regolano questa imposta.

Parliamo quindi della regione d’appartenenza e dell’agenzia delle entrate, sui cui siti dovrebbe essere sempre possibile effettuare dei controlli per il proprio bollo auto.

Come verificare pagamento del bollo auto

Il pagamento viene effettuato secondo una normitiva di legge, per tanto, ad atto avvenuto, vengono rilasciate le ricevute inerenti all’operazione, che sono il primo strumento con cui assicurarsi che il pagamento sia stato effettuato (come detto sopra tali documenti vanno adeguatamente conservati fino al successivo pagamento del bollo auto). Il pagamento online, essendo comunque da effettuare presso gli enti preposti, è sempre consultabile in modo da poter avere la certezza che il proprio pagamento sia stato adeguatamente registrato. Il registro online è difatti sempre consultabile, e nel caso vengano attribuiti ritardi nel pagamento, è possibile consultarlo per sanare ogni dubbio, oppure rivolgersi fisicamente all’agenzia delle entreta o alla regione di appartenenza portando le proprie ricevute, così da poter esibidire documenti che provino il regolamento del bollo auto già avvenuto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche