Donald Trump e le tinte più fantasiose COMMENTA  

Donald Trump e le tinte più fantasiose COMMENTA  

Donald Trump

Il colore della chioma di Trump continua a cambiare sfumatura.

Il colore dei capelli di Donald Trump finisce sotto i riflettori. Le sue sfumatura comprendono tutti gli agrumi presenti nel banco frutta del supermercato. Dal limone al mandarino, al pompelmo per arrivare alla pesca.

Leggi anche: Belen cancella il tatuaggio dedicato a Stefano e spiega il motivo


Le metamorfosi delle chiome dei due candidati della corsa alla Casa Bianca 2016 continuano a far parlare. Già la chioma della rivale Hillary Clinton aveva fatto notizia, la sua hairstylist aveva persino dichiarato che se dovesse essere eletta cambierà stile, proverà cose nuove.

Leggi anche: 10 film da vedere come single a San Valentino


Non è la prima volta che la chioma di un candidato uomo fa così tanto notizia. Precedentemente avevano fatto scandalo i barbieri di Bill Clinton che avevano bloccato l’aeroporto di Los Angeles per tagliare i capelli all’ex presidente. Per non parlare dei dieci mila dollari al mese pagati per mantenere sotto controllo la stempiatura di Fracois Hollande. 

Ma Trump resta per ora imbattibile, i suoi mille cambiamenti: dalla riga da una parte all’altra, dal riporto sulla fronte al riporto tirato indietro, misteri su presunti parrucchini. Cotonature. Per non parare poi del biondo platino più di recente, giusto prima di arrivare alle sfumature di arancione.


1 / 17
1 / 17
  • donald trump capelli
  • Donald Trump
  • rsz_trumphair
  • rt_donald_trump
  • trump capelli
  • capelli trump 3

Leggi anche

Style

Transgender famosi e poco conosciuti

Il termine "transgender" è molto di moda oggi: quale significato, persone classificabili, lista dei più famosi e conosciuti al mondo, nomi non popolari Il termine transgender è diventato di grande moda, spesso se ne sente parlare ma, in effetti, nessuno ha ben chiare le idee dato che anche nella lingua italiana sono differenti i significati del termine a seconda del contesto in cui si utilizza la parola. Per quanto concerne la sua origine etimologica, è da ricondursi al movimento LGBT, nato negli USA intorno ai primi anni ‘80, per indicare un movimento di stampo politico che avversa la logica eterosessista Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*