Florida, venticinquenne uccide e mangia il suo cane COMMENTA  

Florida, venticinquenne uccide e mangia il suo cane COMMENTA  

Non c’è mai fine alla follia umana. Un ragazzo di 25 anni, Thomas Elliot Huggins, abitante in un paese della Florida, ha strangolato, ucciso e mangiato il suo cane dopo averlo cucinato. Il cucciolo, di appena sei mesi, gli era stato regalato da un amico. A denunciare il giovane, che è stato arrestato giovedì scorso con l’accusa di crudeltà verso gli animali, sono stati i familiari, che hanno fatto la macabra scoperta. Quando sono entrati in casa, gli agenti di polizia hanno trovato delle costole di animale che cuocevano sul fornello e altri pezzi dell’animale conservati in freezer. La testa del povero cane era invece stata buttata nella spazzatura.

Leggi anche: Genitori danno per errore metadone alla figlia: bimba ricoverata


Un vicino di casa è scioccato per l’accaduto: non riesce ancora a credere che il cucciolo di pitbull, che era sempre in giardino a giocare, sia stato barbaramente ucciso, scuoiato e poi mangiato dal suo stesso padrone. John Pisacane, amico del venticinquenne autore del barbaro gesto, si pente di avergli affidato il  cucciolo, non sapendo che potesse accadere una cosa così assurda.

Leggi anche: Studente 22enne controlla il conto online e fa una scoperta choc


 

Leggi anche

incendio-usa
Esteri

Incendio durante rave party in Usa, oltre 30 morti

Un violentissimo incendio è divampato durante un rave party in un capannone nella città californiana di Oakland, Usa. Mentre era in corso la festa le fiamme hanno rapidamente avvolto la struttura provocando la morte di molte persone,  quelle accertate ma con tutta probabilità oltre 30, forse 40, secondo fonti della polizia che ha affermato, 'siamo pronti al terribile scenario di una strage'. Inoltre sono state avviate le indagini per incendio doloso, anche se al momento rimangono aperte tutte le piste, compresa quella dell'incidente e non vi sono indagati certi. Sembra inoltre che nell'edificio non vi fosse alcun impianto antincendio. Quando Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*