Come installare windows 10 da chiavetta usb

Guide

Come installare windows 10 da chiavetta usb

Come installare windows 10 da chiavetta usb
Come installare windows 10 sul computer

Vuoi installare Windows 10 ma non disponi di un lettore CD? Niente di più facile, basta usare una chiavetta USB e seguire pochi semplici passaggi.

In questa piccola guida riportiamo un metodo con cui installare Windows 10 da una chiavetta USB o DVD.

Innanzitutto, prima di procedere, assicuratevi di effettuare un backup dei vostri dati e dell’attuale installazione di Windows, grazie allo strumento integrato nello stesso Windows.

Per passare all’ultima versione del sistema operativo di Microsoft bisogna avere una licenza originale di Windows. Per procedere nell’installazione servirà quindi il codice seriale della vostra installazione da recuperare con Magical Bean KeyFinder e che vi consigliamo di appuntarvi.

Secondo passaggio: creare una chiavetta per portare Windows 10 sul PC. Microsoft mette a disposizione uno strumento che in pochi passaggi genera un DVD o un drive USB (da almeno 6 GB) per installare il sistema operativo.
Vi basterà quindi scaricare (da un classico PC) il piccolo eseguibile e potrete avviarlo per decidere come procedere.

Inserite la chiavetta USB e seguite le indicazioni che vi guideranno nel download di Windows 10 e nella configurazione.

Completata la realizzazione della chiavetta dovrete proseguire nell’installazione riavviando il sistema con la chiavetta inserita, facendo attenzione che il boot parta da USB o DVD. Per far ciò dovrete sempre controllare il BIOS del vostro PC.
Solitamente per entrare nel BIOS basta premere un tasto F durante l’accensione (F12, F2…) e ricercare una lista legata al boot: qui dovrete assicurarvi che al primo posto si trovi la vostra pennetta USB.

Una volta riavviato il PC potrete proseguire a installare Windows 10, con due modi: aggiornamento o installazione. Nel primo caso dati, programmi ecc. rimarranno intatti e troverete, a parte il sistema operativo, tutto come avete lasciato fin dal primo avvio.
Il secondo metodo permette un approccio più pulito (da adottare solo se avete già fatto il backup) ma richiede una licenza di Windows 10 già presente.

A tal proposito chiunque abbia effettuato l’aggiornamento a Windows 10 da una versione precedente non crackata è già in possesso di un seriale valido e può rileggere questa guida per recuperarlo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Modestino Picariello 706 Articoli
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza
Contact: Google+