L’evocazione – The Conjuring: trama, personaggi, recensione

News

L’evocazione – The Conjuring: trama, personaggi, recensione

THE CONJURING - IL CASO ENFIELD
THE CONJURING - IL CASO ENFIELD

Esce in Italia “The Conjuring – Il caso Enfield” sequel del film “L’evocazione – The Conjuring”, distribuito nelle sale nel 2013 con la regia di James Wan.

Siamo avanti di sei anni rispetto a “L’evocazione – The Conjuring”, precisamente nel 1977 e una famiglia composta dalla madre divorziata Peggy Hodgson e i suoi quattro figli Margaret, Janet, Johnny e Billi viene sconvolta dalla presenza di figure demoniache che abitano la propria casa che si trova nel borgo londinese di Enfield. A indagare sulle strane presenze arrivano Ed e Lorrain Warren, insieme agli scettici ricercatori della Society for Psychical Research. Le presenze demoniache sembra che vogliano prendere di mira in particolare l’undicenne Janet che si trova più volte in spiacevoli situazioni.

I Warren, come nel primo film sono legati da una profonda fede e da un amore potentissimo che li porta sempre a salvare il mondo da soli. Ad un certo punto però, Lorraine, tormentata da alcuni incubi decide di iniziare a dedicarsi alla lettura della Bibbia ma i demoni, precedentemente sfidati vogliono chiudere la partita chiamando lei e il compagno in prima linea.

Il film è molto innovativo nella resa tecnica la bravura del regista sta nel creare negli occhi dello spettatore un’architettura visiva che non lascia scampo con scene di forte imprevedibilità, spinte all’estremo dalla prima all’ultima inquadratura.

Oltre a questo, la presenza di volti memorabili, come una spaventosa suora e tantissimi elementi iconografici (es.: l’albero dei giocattoli). Con questo sequel, possiamo sicuramente incoronare James Wan come uno dei registi horror migliori.

James Wan ha dichiarato: “Quando abbiamo dovuto ricreare la casa in studio, ho cercato di essere il più fedele possibile alla realtà: e se il primo film era ambientato in una grande fattoria sperduta nel nulla, con un sacco di posti dove un “uomo nero” poteva nascondersi, qui le cose erano l’opposto. La casa è nel mezzo di un popoloso quartiere alla periferia di Londra, che ha anche un aspetto piuttosto noioso: è l’opposto della tipica casa stregata. E per me era una sfida eccitante quella di renderla spaventosa”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche