L’evoluzione di Dolcenera

Cultura

L’evoluzione di Dolcenera

Con costanti cambiamenti di look e di repertorio, Dolcenera è sempre in continua evoluzione, riuscendo nello stesso tempo ad essere sincera e credibile col suo pubblico, conservando intatte alcune sue peculiarità, quali la grinta, l’energia e la passionalità, che ne fanno i principali punti di forza del suo animo artistico. Emanuela Trane, in arte Dolcenera, si fa conoscere dal grande pubblico con la vittoria al Festival di Sanremo 2003, nella sezione “nuove proposte”, con la canzone “Siamo tutti là fuori”. Col suo pianoforte e con un look aggressivo, che ne sottolinea il forte temperamento, la cantante conquista tutti, imponendosi all’attenzione del pubblico grazie ad un talento di grande livello. Ma dopo la bella parentesi sanremese sembra che tutto debba finire. Dopo un primo exploit infatti, per Dolcenera sembrano non presentarsi altre possibilità. Dopo due anni di silenzio, nel 2005, arriva una grande opportunità, quella di entrare nel cast della nuova edizione del programma musicale di RaiDue “Music Farm”, condotto da Simona Ventura.

All’interno del programma, Dolcenera, attraverso la rielaborazione di grandi successi italiani ed internazionali, si impone come grande rivelazione, riscuotendo enormi consensi di pubblico e critica. Sbaraglia tutti gli avversari, compresi grandi nomi della musica italiana, che con lei partecipano alla gara, e si aggiudica la vittoria. Da quel momento la carriera dell’artista parte sul serio, conquistando numerosi riconoscimenti e diversi dischi d’oro e di platino per le copie vendute dei suoi album. Per la cantante pugliese si tratta di una vera e propria rinascita artistica, che la porta anche fuori dai confini nazionali. Prima in Germania e poi in Inghilterra, il nuovo percorso artistico di Dolcenera si arricchisce di nuove esperienze e soprattutto di nuove sonorità. Messo un po’ da parte lo stile intimistico, l’artista scopre la gioia di cantare l’ amore nelle sue sfumature più dolci e positive con un album fresco e leggero dal titolo “Nel paese delle meraviglie”.

Dopo il successo radiofonico dell’album e un tour che la porta in giro per l’Italia, Dolcenera ritorna, dopo più di un anno di silenzio, con uno nuovo progetto dal titolo “Evoluzione della Specie”, che segna appunto un’altra tappa dell’evoluzione artistica della cantante salentina. Questa volta vira verso l’elettro pop, sound che predilige le tastiere, i campionatori e una voce quasi robotizzata che si trova in molti pezzi dell’album. L’artista, che già suona da anni il pianoforte, si butta a capofitto nello studio della batteria. L’influenza di questo nuovo strumento condiziona non poco le strutture musicali dei brani, caratterizzati dalla predominanza delle percussioni in accoppiata con il basso. In occasione della recente partecipazione al Festival di Sanremo col brano “Ci vediamo a casa”, Dolcenera ha ripubblicato l’intero album aggiungendo, oltre al brano sanremese, un nuovo inedito cantato con il famoso rapper inglese Professor Green, confermando la sua voglia di sperimentare proseguendo la sua personale evoluzione della specie.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...