Linkedin: i Trucchi per Trovare Lavoro COMMENTA  

Linkedin: i Trucchi per Trovare Lavoro COMMENTA  

Linkedin, il Social Network professionale più famoso del web. Solo a Milano, nell’ultimo anno Linkedin ha favorito l’assunzione di 49mila persone.

Linkedin viene usato per le assunzioni ormai da moltissime aziende, sia da PMI, grandi aziende e sia da quelle intermedie.


Per cercare di farsi notare sul Social Network tra i 9 milioni di iscritti in Italia, basta seguire questi piccoli trucchi del mestiere.

Linkedin, su Slideshare, pubblica e aggiorna una job search guide che comprende indicazioni e consigli, ed è molto utile leggerli attentamente per cercare di migliorare la visibilità del proprio profilo.


Un’altro trucco è quello di tenere aggiornato il proprio curriculum e scegliere sempre come foto di profilo delle immagini professionali. Da non sottovalutare anche la possibilità, tramite uno strumento messo a disposizione da Linkedin, di tradurre il proprio profilo in un’altra lingua, in modo da essere raggiungibili da più aziende.


Durante la compilazione dei campi del profilo ricordatevi di usare parole chiave, perché è tramite queste parole che le aziende effettuano le ricerche sul Social.

Arrivati alla parte relativa al curriculum non limitatevi a scrivere solo le mansione che avevate, ma elencate i risultati che avete ottenuto durante il lavoro e se disponibili corredateli con link, documenti, certificazioni e attestati.

L'articolo prosegue subito dopo


Ricordatevi che Linkedin è un Social Network quindi impegnatevi ad aggiornare costantemente il vostro status, da 1 a 4 aggiornamenti al giorno, ovviamente con contenuti pertinenti al vostro profilo.

Un’altra caratteristica sottovalutata di Linkedin è la possibilità di chiedere delle raccomandazioni. Le raccomandazioni non sono altro che recensioni lavorative su di voi fatte da parte di persone con cui avete lavorato. Cercate di ottenerne almeno una al mese!

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*