Mangiare meglio per ridurre lo stress COMMENTA  

Mangiare meglio per ridurre lo stress COMMENTA  

Mangiare meglio per ridurre lo stress
Mangiare meglio per ridurre lo stress

Siete in ritardo per il lavoro, state traslocando, i soldi non bastano mai!  La sentite? Il cuore batte forte e i muscoli sono in tensione.


Sentite quella reazione chimica che vi attanaglia? Lo stress. Se non lo curate e non lo gestite può mettere a repentaglio la vostra salute. Le difese immunitarie si abbassano, aumenta la pressione sanguigna e aumenta il rischio di diabete e l’insorgenza di depressione. Magari sapete già che l’esercizio fisico e la meditazione sono dei metodi salutari per ridurre lo stress, ma anche i nutrienti contenuti in alcuni cibi cosiddetti “sani” possono aiutare.


Vi sentite stressati? Andate avanti e mangiatevi un pezzetto di cioccolato nero. Il resveratrolo, un antiossidante che è stato identificato nel cioccolato, stimola il rilascio di serotonina al cervello. E’ stato dimostrato che questa sostanza psicotropa è in grado di dare una sensazione di rilassatezza e buon umore. I nutrienti contenuti nel cioccolato nero migliorano la circolazione sanguigna e riducono l’ipertensione. Questa dolce prelibatezza vi offre una serie di vantaggi per la salute di chi è stressato, non è necessario esagerare però. Circa 30 grammi di cioccolato nero al giorno sono sufficienti. Lisa Cimperman, portavoce della Academy of Nutrition and Dietetics, suggerisce inoltre di consumare cioccolato nero non alcalinizzato con almeno il 70% di cacao per avere i migliori benefici.


Gli omega 3 nel salmone non solo sono ottimi per la salute del vostro cuore, ma i ricercatori sostengono che potrebbero anche essere di supporto per gestire lo stress. Gli acidi grassi essenziali nel salmone proteggono i neuroni dai danni causati dallo stress, ed è particolarmente indicato per coloro che devono gestire una situazione di stress cronico. Per una buona salute cercate di mangiare salmone o altri pesci grassi, come il tonno o le sardine, almeno due volte la settimana. Se il pesce non è la vostra passione, Cimperman suggerisce semi di lino o noci per garantirvi l’apporto di omega 3.

L'articolo prosegue subito dopo


Le banane, grazie al basso apporto calorico e sempre pronte per essere mangiate, sono un ottimo prodotto da introdurre nella vostra dieta anti-stress. Secondo Kathleen A. Head e Gregory S. Kelly, medici naturopati, la carenza di vitamina B6 riduce la produzione di serotonina. Il consumo regolare di banane consente di mantenere inalterato il livello di vitamina B6 e la produzione di serotonina. Inoltre le banane sono ricche di potassio, un nutriente che aiuta a ridurre la pressione sanguigna.

Il cortisolo è l’ormone responsabile dello stress. Prepara il corpo a reazioni di attacco o fuga, inondandolo di glucosio per un apporto immediato di energia. Lo stress cronico riduce il livello fisiologico di magnesio aumentando il rischio di stress. Se il vostro stress vi fa sentire ansiosi, irritabili e agitati, probabilmente avete una carenza di magnesio. Una porzione di bietola (più o meno una tazza di prodotto cotto) apporta 150 mg di magnesio e permette di equilibrare i livelli di cortisolo e di ridurre l’ansia.

Il te nero e il te verde contengono la L-teanina, un amminoacido. Questo amminoacido aumenta la produzione di dopamina e di serotonina. Come la serotonina, la dopamina è una sostanza chimica, presente nel cervello, che fa sentire bene, e dà la sensazione di piacere. Così anche se una tazza di te verde talvolta ha un contenuto di caffeina superiore a quello di una tazza di caffe, la L-teanina è in grado di contrastare lo stimolante e di accrescere la sensazione di gioia e di rilassamento, in alcuni soggetti.

I peperoni rossi sono croccanti e dolci, non solo aggiungono colore alla vostra insalata o alle verdure saltate in padella, ma stimolano le difese immunitarie e combattono lo stress. Mezza tazza di peperoni rossi contiene 158 mg di vitamina C – più di un bicchiere di succo d’arancia da 180 ml. Contiene più vitamina C rispetto al quantitativo suggerito dal RDA per una dieta equilibrata, 90 grammi per gli uomini e 75 per le donne. Secondo il dottor Head e il dr Kelly, aumentando l’apporto di vitamina C rispetto alle quantità segnalate da RDA, è possibile ridurre i livelli di cortisolo, consigliano di consumarne fino a 1 gr al giorno. Tale consumo è particolarmente importante per gli uomini che tendono ad avere livelli di cortisolo più alti rispetto a quelli delle donne.

Le vitamine del gruppo B sono note per essere di supporto  nel trarre energia dal cibo che consumate, ma giocano anche un ruolo determinante nella gestione dello stress. La Niacina favorisce il sonno, l’acido pantotenico (vitamina B5) e la tiamina regolano i livelli di cortisolo in situazioni stressanti, e il folato consente la rigenerazione dei neuroni. I stress non solo sono una buona fonte di vitamine del gruppo B, ma hanno anche un elevato contenuto di fibre, proteine e ferro. Mezza tazza di legumi, compresi fagioli neri, fagioli rossi o ceci aiutano ad ottenere l’apporto necessario di vitamine del gruppo B e gestire lo stress. Aggiungete i legumi alle minestre, alle insalate o ai vostri contorni integrali per migliorare l’aspetto e il sapore.

Leggi anche

LED
Guide

Lampadine LED: perché comprarle

Tutti i vantaggi derivati dall'installazione di lampadine LED in luogo dell'illuminazione tradizionale. Il termine LED è nient'altro che l'acronimo di Light-Emitting Diodes, e rappresenta una specifica tecnologia di illuminazione, particolarmente innestata in quella scienza relativamente Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*