Moglie in vendita su ebay: asta parte da 78 mila euro COMMENTA  

Moglie in vendita su ebay: asta parte da 78 mila euro COMMENTA  

moglie in vendita

Qualcuno ha messo la propria moglie in vendita su eBay alla modica cifra di 78mila euro, parlandone come se fosse un’auto usata.

Quanto paghereste per liberarvi della vostra moglie? Ecco una domanda che ogni tanto ritorna.

Leggi anche: Email eBay (strumento di contatto di ebay.com)

Ma qualcuno in inghilterra ha avuto la genialata: far pagare qualcun altro per farsela portare via.

Certo, alla fine la storia si è rivelata essere lo scherzo di un simpaticissimi fidanzato alla sua ragazza. Simon O’Kane, di Wakefield, ha pensato di fare il simpatico e ha pubblicato una sua foto su eBay dicendo di averla messa in vendita per una cifra pari a circa 78mila euro. Il ragazzo ha parlato di una “discreta carrozzeria”, e ha affermato che nonostante sia un ottimo modello “spesso fa uno strano rumore per lunghi periodi, e risulta molto difficile farla smettere”. In conclusione, Simon ha dichiarato di accettare anche uno scambio con un modello più giovane.

“Lo avrei voluto uccidere” ha commentato la ragazza, a quanto pare molto colpita dal gesto del giovane.

Leggi anche: EBay Rimborso Spese di Spedizione

La povera donna ha scoperto del fatto solo dai suoi colleghi, che ne ridevano durante l’orario di lavoro. Lo scherzo è in effetti abbastanza divertente, ma abbiamo il sospetto che nelle prossime settimane Simon dormirà sul divano.

Leggi anche

donald trump
Esteri

Cos’è successo di preciso fra Donald Trump, Taiwan e la Cina

Donald Trump si muove, secondo alcuni, come l’elefante nel negozio di cristalli. Il nuovo presidente USA già al centro di un caso diplomatico. Il neo eletto 45 esimo presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha già fatto infuriare la Cina. Non ancora insediato alla Casa Bianca (lo sarà a partire dalla metà del prossimo mese di gennaio), il tycoon sembrerebbe essere incappato in una gaffe diplomatica. O forse, come evidenziano alcuni commentatori, non si è trattato di una gaffe, ma di un comportamento cercato e voluto: di una provocazione ai danni di Pechino. La questione è molto semplice. Donald Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*