Nina Moric agli italiani: "A casa mia a vedere il mondiale della Croazia"

Nina Moric agli italiani: “Venite a casa mia”

Gossip e TV

Nina Moric agli italiani: “Venite a casa mia”

Nina Moric

Nina Moric, il giorno dopo la non ammissione dell’Italia ai mondiali in Russia. La showgirl croata fa ironia sulla Nazionale azzurra, invitando gli italiani da lei per assistere a un mondiale diverso. Su Twitter scrive “Siete tutti invitati a casa mia a vedere il mondiale della Croazia“. E accompagna la frase con una bella bandierina croata ad accompagnare il tutto.

Nina Moric: l’invito per gli italiani

L’indomani della sconfitta, si sa, è un giorno pessimo. La Nazionale azzurra non ce l’ha fatta e non parteciperà ai mondiali in Russia nel 2018. Accade per la prima volta dopo il 1958. L’incubo si è trasformato in realtà e oggi l’Italia piange. Ma a tirare su – o ad abbattere – il morale degli italiani ci pensa Nina Moric. Il giorno successivo alla non ammissione italiana ai mondiali, la showgirl croata invita gli italiani da lei per seguire il mondiale. “Siete tutti invitati a casa mia a vedere il mondiale della Croazia“, tweetta sui social.

Ed è subito polemica, perché la Croazia parteciperà ai mondiali, al contrario dell’Italia. L’invito di Nina Moric forse poteva essere evitato, dal momento in cui è sembrato più una presa in giro che un sincero invito. Se ha voluto fare la spiritosa, non ci è riuscita.

Nina Moric

Nina Moric e Michael Ballack

Non ci voleva proprio la frase poco ironica della showgirl croata Nina Moric. Come se l’umore di tutti gli italiani non fosse già a terra. Inutile girare il coltello nella piaga, ma è sembrato simpatico per la Moric fare ironia sulla sconfitta azzurra. Oltre al danno, la beffa perché le battute non sono mancate neanche da parte del’ex centrocampista della Nazionale tedesca, Michael Ballack. Il simpatico calciatore ha scritto sui social: “Campioni del mondo adesso?”.

Mondiali 2018: in Russia senza Italia

Non ci volevano le prese in giro degli altri per far dispiacere gli italiani. Era dal lontano 1958 che non ci si qualificava per un mondiale.

E da allora, ricorderemo anche questo tristissimo lunedì 13 novembre, quando San Siro si è dipinta di giallo e blu e non di azzurro. Il sogno di Russia 2018 è finito ancora prima di iniziare. Subito si fanno sentire le polemiche. Chi pensa nell’inadeguatezza del ct, Gian Piero Ventura; chi al poco gioco di squadra; e chi semplicemente è deluso da tutto.

Ma il dolore più grande deve averlo provato il Capitano, portiere della nostra Nazionale: Gianluigi Buffon. Il quasi 40enne, portiere juventino, avrebbe coronato il sogno del sesto mondiale. Ma dovrà rinunciare a quest’avventura, dopo la duplice sconfitta contro la Svezia. Perché anche se il match di ieri ha concluso con un pareggio, 0-0, questo a nulla è servito, se non ad abbandonare per sempre il sogno italiano in Russia. Le lacrime di Buffon hanno commosso tutto il Bel Paese. “Abbiamo fallito qualcosa che poteva essere importante a livello sociale. Questo è l’unico rammarico che ho, perché il tempo passa ed è tiranno ed è giusto che sia così.

Dispiace che la mia ultima gara sia coincisa con l’eliminazione dal Mondiale“, spiega tra le lacrime il portiere degli azzurri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche