Norah Jones: nuovo album, titolo, tracce

Concerti

Norah Jones: nuovo album, titolo, tracce

Norah Jones riparte con un nuovo album, “Day breaks” e ritorna al suo primo amore, il pianoforte. Martedì sera debutterà al Teatro degli Arcimboldi; il 9 sarà a Padova.

La cantautrice americana, Norah Jones, famosissima per uno dei singoli più belli “Sunrise”, ha pubblicato recentemente il suo sesto album “Day Breaks”. Inoltre il prossimo 8 novembre farà il concerto a Milano, presso il Teatro degli Arcimboldi.
Nel nuovo album, la Jones ha collaborato con diversi artisti jazz tra i quali Wayne Shorter (sassofonista), Dr. Ionnie Smith (organista) e Brian Blade (batterista). In “Day breaks” ci sono 12 tracce di cui 9 inediti; le restanti sono cover di brani interpretati da artisti del calibro di Horace Silver, Duke Ellington e Neil Young.

Ecco le tracce presenti:
01. Burn
02. Tragedy
03. Flipside
04. It’s A Wonderful Time For Love
05. And Then There Was You
06. Don’t Be Denied
7. Day Breaks
08.

Peace
09. Once I Had A Laugh
10. Sleeping Wild
11. Carry On
12. Fleurette Africaine (African Flower)

L’artista americana ha raccontato che per la realizzazione del nuovo album, si è ispirata in particolare ai fatti che stanno accadendo nel mondo. L’ultimo periodo infatti lo ha dichiarato “folle e instabile”. E’ stato però il brano di Les McCann “Compared to what” a farle scattare qualcosa nella mente.
Dopo aver venduto più di 45 milioni di album in tutto il mondo, spaziando tra pop, jazz e country, la Jones è ritornata alle origini, accompagnata dal suo pianoforte.”Adoro suonare il piano, ma alcune volte hai bisogno di trovare nuove ispirazioni. Credo che la chiave sia di mantenere sempre le cose ispirate e fresche e se ti senti statica, allora devi cambiare, provare qualcosa di differente. In questo momento però mi sento nuovamente ispirata al pianoforte.

Ma chi è Norah fuori dal palco? Una mamma di due figli, sposata e molto legata alla madre.

Non tutti sanno però che i maggiori capolavori di Norah Jones, sono nati dal piano che ha posizionato in cucina… La cantante, intervistata da Keyboard Mag, infatti ha svelato di avere la maggiore ispirazione al mattino presto e alla sera tardi.
“Vivo in una casa che ha molti piani e tutti gli strumenti musicali, sono al secondo piano. Nel primo piano ci vivo e passo più ore durante la giornata ma una volta sono passata davanti a un negozio di pianoforti e ne ho visto uno piccolo, una spinetta. Probabilmente non ne avevo bisogno ma in quel piano non c’era e devo ammettere che ora lo uso molto di più”.

Nell’album, Norah Jones vanta anche della collaborazione di alcuni autori, tra i quali Sarah Oda e Pete Remm. “Sarah è stata fondamentale per la realizzazione del disco perchè mi ha aiutato a finire delle canzoni che avevo iniziato ma che non riuscivo a finire.

Lo stesso con Pete, suona nella mia band e avevamo in progetto alcuni brani che siamo riusciti a completare”.

Come annunciato prima, la cantante terrà due concerti in Italia, uno domani alle 21 presso il Teatro degli Arcimboldi a Milano, mentre la seconda tappa italiana sarà a Padova, mercoledì 9 novembre presso il Gran Teatro Geox.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche