OneRepublic – Native Wordl Tour: il 9 giugno 2015 all’Hydrogen Festival di Piazzola sul Brenta (PD)

Concerti

OneRepublic – Native Wordl Tour: il 9 giugno 2015 all’Hydrogen Festival di Piazzola sul Brenta (PD)

unnamed
La band annuncia una nuova data in Italia:
Il 9 giugno 2015 all’Hydrogen Festival di Piazzola sul Brenta (PD)
Biglietti in vendita dal 18 novembre alle ore 10.

A poche ore dall’appuntamento al Mediolanum Forum di Assago, gli OneRepublic annunciano una nuova tappa italiana del loro “Native World Tour”: il 9 giugno 2015 la band alternative rock statunitense capitanata da Ryan Tedder sarà sul palco dell’Anfiteatro Camerini in occasione dell’Hydrogen Festival di Piazzola sul Brenta (PD).

I biglietti per il concerto – una produzione Massimo Levantini per Live Nation – saranno in vendita da domani alle ore 10 su www.ticketone.it e nelle abituali prevendite.

Trascinati dal frontman e cantautore Ryan Tedder – che ha collaborato alla realizzazione delle hit di numerosi artisti tra cui Leona Lewis (“Bleeding Love”, “Happy”), Beyoncè (“Halo”) e Adele (per “21” vincitore del Grammy award come Album of the Year – gli OneRepublic negli anni hanno letteralmente sconvolto le classifiche mondiali.

A partire da “Apologize”, singolo che ha ottenuto oltre 10 milioni di download e il maggior numero di airplay nella storia entrando nella storia della Top40 Radio in Nord America, passando per “Stop and stare” (valso alla band una nomination ai Grammy come “Best Pop Performance by a Duo or Group with Vocals”), “All the Right Moves” e “Secrets” il successo degli OneRepublic è in continua ascesa.
“Native”, il loro pluripremiato ultimo album pubblicato per Universal, ha venduto 3.8 milioni di copie in tutto il mondo: “Ho sempre cercato di ‘raffreddare’ la mia voce nella registrazione degli album, forse per paura di fare il passo più lungo della gamba e di dare troppo spettacolo”, ha raccontato Tedder. “Durante la registrazione di Native invece, questo timore è scomparso, lasciando che lo stesso suono dei live e l’attitudine più gospel della mia voce trovassero spazio nelle nuove canzoni.”
Il risultato è un disco connotato da un nuovo approccio vocale, con una potenza emotiva che aumenta a ogni traccia, e un suono contaminato e rinnovato che ha portato la band a viaggiare in tutta Europa e in America per scrivere, registrare e immergersi nelle atmosfere delle città, per elevare ed espandere ulteriormente il loro sound: “Per noi è fondamentale che ogni disco rappresenti un’evoluzione, una crescita a livello sonoro”, ha spiegato il frontman.
Dopo successo dei singoli “If I lose myself”, “Counting stars” (9 milioni di download in tutto il mondo) e “Love runs out” ora è il momento di “I Lived”, nuovo estratto da “Native”, che sta conquistando i vertici delle classifiche radiofoniche anche in Italia.

Il brano, che tocca le sfere più personali della band per l’intensità della musica e del testo, è stato scelto come colonna sonora della campagna della nuova MERCEDES classe B, mentre nella versione remix di Cedric Gervais, è utilizzato dalla campagna Coca Cola RED per la raccolta di fondi per l’acquisto di medicine per curare dall’HIV / AIDS le popolazioni dell’Africa Sub-Sahariana.
Per il video ufficiale di “I Lived”, visibile su http://youtu.be/z0rxydSolwU, la band ha voluto come protagonista qualcuno che rappresentasse la forza di vivere e di lottare contro ogni avversità: il nativo americano originario del Colorado Bryan Warnecke, che lotta da sempre contro la fibrosi cistica cercando di realizzare i propri sogni. Bryan è un chiaro esempio di coraggio per aver deciso di percorrere oltre 1200 miglia in giro per gli Usa raccogliendo solo quest’anno $300,000 per la ricerca sulla malattia, in particolare a favore della RED BAND SOCIETY.

Gli OneRepublic sono: Ryan Tedder (voce, basso, chitarra acustica, pianoforte, tastiera, sintetizzatore, tamburello), Zach Filkins (voce, chitarra, viola, violino), Drew Brown (chitarra, basso, tastiera, xilofono, cori), Brent Kutzle (basso, violoncello, violino, tastiera, sintetizzatori, programmazioni) e Eddie Fisher (batteria, percussioni).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche