Ossessione per i selfie: i risultati sono scovolgenti COMMENTA  

Ossessione per i selfie: i risultati sono scovolgenti COMMENTA  

Sono stati compiuti degli studi al fine di capire cosa porta le persone a scattarsi i selfie.

Nell’ultimo paio di anni i selfie sono diventati una vera e propria mania, a volte preoccupante. Ci sono stati perfino casi di vere e proprie patologie in cui persone vivevano le loro giornate in totale funzione delle loro fotografie. Solo in Italia si è calcolato che ogni anno vengono scattati 730 milioni di selfie, una cifra veramente alta che ha scatenato l’interesse dei ricercatori. I dottori dell’università di Toronto sono arrivati ad individuare la causa scatenante di questa moda: Colui che si scatta la foto e la pubblica poi sui social crede di essere più bello rispetto alla vita reale o al resto delle fotografie più naturali. L’aspetto ironico della questione è però che coloro che guardano la stessa fotografia, amici, parenti e sconosciuti, reputano quella persona esteticamente peggiore.


Il team dell’università ha condotto un esperimento per osservare le percezioni che si hanno dei selfie ed sono arrivati a questa conclusione: “Chi si scatta i selfie si percepisce più attraente e gradevole in quel tipo di foto che in ogni altro genere di scatto”. Sono stati selezionati un campione di ragazzi fra i 18 e i 21 e cui è stato chiesto di scattarsi un selfie e una fotografia di gruppo. Tantissimi ragazzi hanno elogiato le proprie qualità estetiche nel selfie ed hanno preferito quella fotografia rispetto all’altra.


Le foto sono state successivamente fatte vedere a 178 giudici con il compito di analizzare entrambi gli scatti e scegliere il loro preferito: tutte queste persone hanno ritenuto di gran lunga migliori quelle di gruppo rispetto ai tanto amati selfie.

Un invito a smettere di farsi selfie? Forse sì, visto che gli unici a cui piacciamo quando ci mettiamo in posa per scattarci una fotografia sa soli…

L'articolo prosegue subito dopo

siamo proprio noi!

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*