Piazzapulita sabina guzzanti la 7

piazzapulita

Piazzapulita torna a settembre con Corrado Formigli. Adesso con la satira del “Tg porco” di  Sabina Guzzanti.

Ieri sera è stata trasmessa la prima puntata della nuova stagione di Piazzapulita condotto da Corrado Formigli. Il talk show politico più famoso della televisione arriva con tante novità, nuovi personaggi ed ospiti come Maria Elena Boschi e il premier Renzi, anche se la sua presenza non è ancora confermata. “Mostrare quello che gli altri non fanno vedere grazie alla nostra squadra di giornalisti che è la migliore d’Italia”, sono le parole di presentazione di Corrado Formigli della nuova stagione del programma politico più satirico della 7.

Leggi anche: Aereo precipita nel reatino, almeno due feriti


Piazzapulita comincia forte e con argomenti incandescenti come la strage eseguita dall’Isis lo scorso luglio a Badbad. Ma non saranno solo brutte notizie, si parlerà anche degli italiani e i suoi comportamenti quotidiani, e del “del conformismo di troppi rispetto alla costante e continua rottura delle regole delle legalità” come afferma Formigli. Uno degli ospiti più attesi è il presidente del consiglio Matteo Renzi, chi è invitato a partecipare al talk show fino a giugno.

Leggi anche: Mestre: inciampa su tappeto di casa, sfonda finestra e si taglia la gola, morto


Piazzapulita vuole combattere contro l’evidente”censura”  della Rai e i principali canali, grazie all’interpretazione satirica di Sabina Guzzanti. Un delle novità che ci aspettano in onda sarà il  Tg Porco di Guzzanti, dove la prima protagonista sarà il sindaco Virginia Raggi.

Il famoso Tg porco è nato sul web e adesso ha quasi 8 milioni di visualizzazioni. Uno degli ospiti più attesi può essere il presidente Matteo Renzi, chi è invitato a partecipare al talk show fino a giugno.

Leggi anche

pensioni
News

Pensioni, raggiunto il primo accordo fra governo e sindacati

Governo e sindacati hanno trovato un'intesa sulle pensioni. Firmato un primo testo con le misure per i prossimi tre anni. Rappresentanti del governo e dei sindacati hanno sottoscritto ieri un primo accordo per quanto riguarda la riforma delle pensioni. Si parla, fra le altre cose, di anticipo pensionistico volontario, di lavoratori precoci e si sostegno ai pensionati con i redditi più bassi. "Si è fatto un buon lavoro" ha commentato Susanna Camusso, "ma non è ancora concluso". Dello stesso tenore le considerazioni espresse dal segretario Uil Carmelo Barbagallo e dal segretario generale della Cisl Annamaria Forlan. Ora si guarda "allo stanziamento con Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*