Pontifex: gli incendi in Liguria sono la punizione contro Maurizio Crozza

Dopo le deliranti accuse contro Jovanotti, che vedevano la tragica morte di Francesco Pinna come una punizione divina, e dopo aver tacciato Fiorello di omosessualità dopo che quest’ultimo aveva aspramente criticato la suddetta dichiarazione, il sito Pontifex.it torna alla carica con una nuova apocalittica deliberazione: gli incendi che in questi giorni tormentano la Liguria sono la punizione contro il genovese Maurizio Crozza, colpevole di aver imitato il papa nel suo programma Italialand.

Leggi anche: X-files:il ritorno con il cast e i personaggi di sempre


[youtube http://www.youtube.com/watch?v=6mqPXmOYVF4&w=560&h=315]

“Che cosa  sta divampando? Fiamme, quelle che purificano, ma anche indicano l’Inferno, la dannazione”, una dannazione provocata dall’atto (quello, appunto, dalla parodia del papa) che, scrive Bruno Volpe, è stato “indelicato, inelegante, inopportuno e per fine anche blasfemo”. Ma non ci si ferma qui.

Leggi anche: X Factor Uk, ecco tutto quello che c’è da sapere

L’evacuazione degli oltre trecento liguri avrebbe una valenza biblica. Si cita addirittura il Libro dell’Esodo, gli sfollati della Liguria sono ora gli ebrei che attraversarono la penisola del Sinai guidati da Mosé; ma in questa moderna rivisitazione delle Sacre Scritture con cui Pontifex ci illumina, ciò da cui tutte queste persone scappano non è la tremenda schiavitù: è bensì la scelleratezza del terribile e blasfemo Crozza:  “Dall’incendio, è nata una sorta di esodo, come le migrazioni che sanzionarono e colpirono il popolo ebraico per la sua infedeltà e ribellione a  Dio. Crozza, vai avanti in questo modo, ogni volta che  ne combini una ecco il messaggio: alluvione a Genova e incendio  nella Liguria. Chiaro ed evidente che cosa significhi sfidare la pazienza di Dio”. Tremate, comici, tremate.

Al bando l’ironia e la libertà d’azione e di parola, avanti con il sicuro servilismo ecclesiastico che garantisce l’ascesa ai cancelli celesti!

Leggi anche

x-factor-coraline
TV

X-Factor: The Coraline sul palco, sono le nipoti di Emanuela Orlandi

In pochissimi se ne sono accorti ma quando la notizia è stata postata sul web ha cominciato a rimbalzare da un social all'altro. E' accaduto poco fa a X Factor, quando sul palco sono salite tra ragazze, Salomè, Elettra e Rebecca, che insieme formano il gruppo 'The Coraline'. Il putiferio social è scoppiato quando è stato mandato in onda il video della loro famiglia: solo in quel momento il pubblico si è reso conto che le tre ragazze, che sembravano musiciste di un gruppo come tanti, sono in realtà le figlie di Pietro Orlandi, fratello di Emanuela Orlandi, scomparsa in Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*