Quali sono le cause del prurito notturno?

Guide

Quali sono le cause del prurito notturno?

Anche se il prurito di solito viene considerato come un problema minore, il prurito notturno può causare problemi del sonno e influire sulla qualità della vita di un individuo. Vi sono molte ragioni per le quali si verifica un prurito notturno e la maggior parte di queste viene facilmente trattata attuando dei piccoli cambiamenti nello stile di vita.

Insetti nel letto

Anche se alcune persone pensano che gli insetti nel letto siano una minaccia inventata, sono purtroppo una realtà. Le cimici fanno la tana in posti piccoli come le pieghe delle lenzuola e i buchi nella carta da parati. Se si ha un’infestazione, le cimici mordono gli umani, provocando piccoli ponfi pruriginosi.

Allergie

Il prurito può essere causato dalle allergie. Si può essere allergici alla polvere presente sulle lenzuola, al pelo di animali, ai detergenti, al cibo o ai farmaci assunti durante il giorno. Provare ad utilizzare saponi senza profumo.

Stress

Lo stress e l’ansia possono causare prurito, specialmente la notte quando vi sono meno distrazioni. Lo stress può anche aggravare qualsiasi altra causa di prurito e peggiorare la condizione. Se si sospetta che sia il proprio caso, provare a impegnarsi in un’attività calmante prima di andare a dormire.

Pelle secca o problemi cutanei

La pelle secca può causare prurito, specialmente in inverno. Le malattie della pelle come l’eczema o l’herpes possono causare prurito nelle zone interessate.

Parassiti e insetti

L’anchilostoma e alcuni altri parassiti possono causare prurito, di solito accompagnato da un’eruzione cutanea. Le punture d’insetto di molti parassiti, tra cui le zanzare, possono causare prurito nelle zone colpite.

Altre condizioni mediche

Se nessuna di queste cause sembra essere la colpevole e il prurito non si placa, è necessario contattare un medico. Il prurito può anche essere causato da disturbi del fegato, insufficienza renale, diabete, problemi della tiroide, cancro o malattia di Hodgkin.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...