Quo vado, incassi record per 50 milioni COMMENTA  

Quo vado, incassi record per 50 milioni COMMENTA  

“Quo Vado?”: bacheche di Facebook piene di critiche sul Web, cinema pieni per vedere il film, anche a più di una settimana dalla sua uscita. Mentre tutti ne parlano, gli incassi battono il record dei 50 milioni.

La trama è molto semplice, ma ricca di spunti. Checco è legato al suo posto fisso e pensa di avere una vita fantastica, mettendo timbri per le licenze di caccia e pesca, finchè una riforma non abolisce le province. Si trova, dunque, davanti a due alternative: dare le dimissioni e ricevere una buona uscita o dichiararsi disponibile a lavorare ovunque lo mandino. La dirigente lo manda in tutte le sedi più disagiate dell’Italia, sperando che ceda e firmi la risoluzione del contratto. Il suo spirito di adattamento, ma soprattutto il suo attaccamento al lavoro lo fanno resistere fino a che non viene spedito al Polo Nord. Qui inizierà la sua nuova avventura, in un mondo completamente diverso da quello in cui è sempre cresciuto, ma per fortuna c’è Valeria che cercherà di fargli ampliare i suoi orizzonti…


1 / 3
1 / 3
  • Film Quo Vado immagine3
  • Film Quo Vado immagine
  • Film Quo Vado immagine2

Ho sempre trovato la comicità di Checco Zalone straordinaria: riesce a farti ridere a cuor leggero per più di un’ora e poi, una volta a casa, ciò che rimane è una riflessione sui difetti che ha voluto mettere in luce.

In un periodo di crisi in cui bisogna attaccarsi al lavoro che si ha, anche a costo di rinunciare alla propria felicità, il paradiso del posto fisso rappresenta una realtà purtroppo vera.

L'articolo prosegue subito dopo

Checco interpreta un quarantenne che rischia di veder crollare tutte le sue certezze ed è costretto ad andare all’estero, proprio come tanti altri giovani oggi. Si ritrova in un mondo nuovo, affascinante, più “civile” e ordinato. Eppure, dopo aver criticato lo stereotipo italiano, incapace di faccende domestiche, poco aperto e poco educato, celebra con un inaspettato patriottismo la sua terra. L’autoironia mette in luce ciò che non va proprio per spronare ad accettare il fatto che non funzioni e poi a migliorarlo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*