Rumore in ufficio? No problem

Cultura

Rumore in ufficio? No problem

Oggi in ufficio (e non solo) la produttività è minacciata da una serie di incessanti interruzioni causate da tantissime motivazioni, come ad esempio email, SMS, telefonate, applicazioni, aggiornamenti dai social media e – chiaramente – gli altri colleghi, che rubano sempre più tempo alle proprie attività. Ecco di seguito dei consigli su come non farsi distrarre dal rumore e lavorare con attenzione.

In media un dirigente riceve e invia circa 109 email al giorno; i messaggi istantanei sono in aumento dell’11% ogni anno e gli SMS bombardano ancora gli uffici. La tecnologia dà dipendenza e l’impennata dei testi e delle notifiche dai social media possono possare a un punto di distrazione senza ritorno e anche a una disponibilità 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Interno di un ufficio
Interno di un ufficio

Il volume delle interruzioni oggi è insostenibile sotto qualsiasi punto di vista, ma cosa è possibile fare a riguardo? Il primo passo è quello di comprendere l’impatto delle continue interruzioni sul nostro cervello.

Se è possibile cercate di spegnere ogni fonte di distrazione, frenandovi nella lettura delle email e dei messaggi e tenendo chiusa la porta dell’ufficio. Nessuno vi disturberà a meno che non sia davvero necessario. Fate una cosa alla volta e non realizzate due attività contemporaneamente per risparmiare tempo, piuttosto risparmiate sulla quantità di telefonate e messaggi inviati e letti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

docce
Scuola

Si scrive doccie o docce?

25 maggio 2017 di Notizie

La lingua italiana nasconde spesso alcuni “tranelli”. La formazione del plurale di alcune parole, come “doccia” appunto, rientra tra questi. Scopriamo la regola grammaticale e le sue eccezioni.

Loading...