Russia, 15 enni si suicidano: il video su Periscope

News

Russia, 15 enni si suicidano: il video su Periscope

“Non vi preoccupate. Ce ne andiamo con stile” queste le parole dei due ragazzini russi che hanno sparato a dei poliziotti e poi si sono suicidati. Il tutto filmato su Periscope e Instagram

Il tutto è accaduto a Mosca dove due ragazzi russi, entrambi 15 enni, hanno ripreso live streaming la loro folle avventura, terminata in tragedia. I ragazzi, Katya e Denis, hanno deciso di utilizzare tutte le armi che erano all’interno della casa, appartenenti al padre di lei, e sparare alla polizia che si trovava sotto casa e successivamente servite per suicidarsi.
Denis aveva sparato alla madre della fidanzata, perchè si era arrabbiata dopo aver scoperto la figlia dormire insieme al suo ragazzo. La casa è stata subito circondata dalla polizia e Denis e Katya hanno cercato di difendersi e divertirsi a loro modo, e contrattare con gli agenti. Sui social network Denis ha scritto vari post tra cui uno in particolare dove cerca di dare un “consiglio” ai suoi coetani “buona fortuna, per favore non abbiate paura di vivere la vita che volete e per la quale siete tagliati. La vita è divertimento, questa è la vita migliore. Con amore.”

È proprio con i social che hanno raccontato questa folle giornata con foto e video in diretta e in una delle foto pubblicate si vede la fidanzata che punta la pistola sulla sua tempia e lui ride divertito. Le forze speciali della National Guard hanno fatto una dichiarazione ufficiale affermando che “i corpi della ragazza e del ragazzo mostravano chiari segni di suicidio“, quindi non sono stati uccisi dalla polizia.

Gli agenti hanno confermato che i ragazzi si divertivano, come se stessero giocando ad un gioco sparatutto, tipo “Call of Duty”. Denis sul suo social network ha scritto che “Se non ci arrendiamo, moriremo. Ma se ci arrendiamo non ci potremo mai più vedere”. Dal post scritto si riesce a capire che per loro la separazione, e quindi passare anni in carcere, era peggio del suicidio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...