Salvo Mandarà e il riscatto sessuale - Notizie.it

Salvo Mandarà e il riscatto sessuale

News

Salvo Mandarà e il riscatto sessuale

SALVO MANDARA'
SALVO MANDARA'

Salvo Mandarà è stato vittima di un ricatto sessuale nella video chat di Messanger e l’ha denunciato in un post su Facebook.

Il blogger del M5S ha raccontato la vicenda anche ai microfoni de “La Zanzara” su Radio24 intervistato da Davide Parenzo.

Salvo Mandarà, che si trova in Sicilia per della 57esima edizione del Pecoglioni Italia Tour ha raccontato di essere stato contattato in video chat da una parrucchiera di Bari, Sara Catonio di venticinque anni. La ragazza ha proposto al blogger di fare sesso in cam. Mandarà incuriosito ha accettato, ma si è subito reso conto di essere finito in un inganno.

Mandarà ha infatti raccontato: “Lei era una bella ragazza, ma solo dopo ho realizzato che si trattava di un video registrato senza audio, non c’era mica nessuno dall’altra parte. Vedevo solo questa ragazza che mi sorrideva e che poi si è tolta la maglietta. Allora mi sono detto: “Voglio vedere questa fin dove arriva”.

Poi ammette: “Siccome erano 14 giorni che stavo da solo, in quanto la mia compagna è a Milano, e proprio ieri sera avevo un discreto fastidio ai testicoli, rischiando polluzione notturna, avevo un’esigenza fisiologica. Non era certo voglia, perché con un telefonino in mano è proprio da sfigati fare sesso. La ragazza si è mostrata in tutte le sue grazie e a quel punto mi io ho fatto altrettanto”. E aggiunge: “Questa qui poi mi ha mandato il video e mi ha snocciolato, uno per uno, tutti i miei parenti, dicendo che avrebbe mandato il filmato a loro e che lo avrebbe pubblicato su youtube. Mi ha detto che mi avrebbe rovinato e che mi sarei pentito di essere nato. Io ho subito pubblicato su Facebook il mio post relativo alla vicenda e l’ho bloccata”.

Mandarà infine ha scritto il post su Facebook per scusarsi con gli amici ma soprattutto con la sua famiglia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche